Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Abusi e maltrattamenti, chiusa casa famiglia "Il monello mare"

blitz della polizia, 5 arresti tra cui il direttore della struttura

Abusavano e maltrattavano i minorenni accolti nella Casa famiglia “Il monello mare”, a Santa Marinella, alle porte di Roma. Gli uomini della Squadra Mobile della Questura questa mattina hanno eseguito il blitz nella struttura arrestando cinque persone tra cui il direttore, un uomo di 55 anni, che si trova ora agli arresti domiciliari. In tutto sono nove le persone  indagate per vari reati che vanno dai maltrattamenti aggravati, violenza sessuale e lesioni aggravate. La casa famiglia è stata chiusa e posta sotto sequestro ed oltre al direttore sono indagate per maltrattamenti aggravati anche le sue quattro collaboratrici.

Le indagini erano partite da una segnalazione di un assistente sociale e di una tutrice minorile, che avevano raccolto la testimonianza di un una minore ospite della casa famiglia. I minori accolti venivano già da situazioni difficili e disagiate, con situazioni familiari o personali particolarmente critiche ma una volta nella struttura il loro incubo continuava:  secondo l’accusa subivano infatti abusi di ogni tipo: dalle ingiurie, alle aggressioni fisiche e verbali degli operatori. Ma anche percosse, minacce. Ad alcuni ragazzi gli operatori somministravano psicofarmaci senza alcuna prescrizione medica. Spesso, il cibo dato in pasto ai minorenni era scaduto. Il titolare della struttura è accusato anche di violenza sessuale per alcuni presunti palpeggiamenti ai danni di una minore ospite della casa famiglia.

La difesa, "Accuse infondate" - "Sono accuse infondate che saranno smentite". Così i vertici della Casa famiglia "Il monello mare" replicano tramite il legale avvocato Vincenzo Dionisi, alle accuse di maltrattamenti ed abusi". "Comunichiamo l'infondatezza delle accuse rivolte, dichiarando fin da ora che procederemo a fornire agli inquirenti -continua Dionisi- tutti gli elementi anche documentali per smentire l'ipotesi accusatoria a nostro carico".



[13-05-2015]

 
Lascia il tuo commento