Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

San Giovanni, strage in famiglia. I pm: delitto forse premeditato

secondo gli investigatori la donna avrebbe fatto tutto da sola, forse affetta da forte depressione

Si è trattata di una strage in famiglia. Su questo non ha dubbi la Procura di Roma che ha comunque disposto l’autopsia per la donna di nazionalità marocchina di 42 anni e per i suoi due figli di 9 e 3 anni massacrati ieri a coltellate nell’appartamento occupato di via Carlo Felice 69, a San Giovanni.

I primi soccorritori che sono entrati in casa descrivono la scena come un “mattatoio”. Il corpo senza vita della madre riverso nella vasca da bagno, con la cinghia con cui si era impiccata ancora al collo. Quel che ancora non è chiaro è il movente che ha generato tanta violenza. La donna prima di scagliarsi contro i tre bambini, aveva ferito con una pugnalata all’addome il marito. Il 43 enne, incensurato, operaio della catena di mobili Mondo Convenienza, si era presentato al San Giovanni con la ferita al ventre alle 4:40 di notte. I corpi dei bimbi sono stati trovati solo alle 14:15 del giorno dopo. Possibile che nessuno nel palazzo occupato dove vivono 35 famiglie abbia udito qualcosa? La terza figlia della coppia, di 5 anni, si è difesa con tutte le sue forze ed è stata ferita alle mani ed al collo, anche lei come il padre si trovava ricoverata al San Giovanni in gravi condizioni. Dopo un primo intervento chirugico è stata trasferita ieri sera al Bambin Gesù.

Gli inquirenti, appena avranno il via libera dei medici, torneranno ad ascoltare l’uomo per chiarire il movente del duplice delitto. Chi indaga ritiene che sia stata la donna a fare tutto da sola, per poi togliersi la vita. Una convinzione dettata dal fatto che sul corpo della 42enne non sono stati trovati segni di violenza. Un piano preordinato della donna, secondo gli investigatori, che poteva essere affetta da una forte depressione.

[28-10-2014]

 
Lascia il tuo commento