Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Omicidio 2 agosto 2010 a Pietralata, assolto romeno

il caso resta irrisolto

Resta senza colpevole l’omicidio di Anghel Bogdan, il 32enne manovale romeno ucciso brutalmente il 2 agosto del 2010 in via Seguenza, vicino ad un parcheggio nel quartiere Pietralata. Oggi è stato assolto in appello Gelu Costiuleanu, 43 enne romeno che era ritenuto, al termine delle indagini, come il principale indiziato di quell’efferato crimine.

Il 43enne era stato giaàassolto in primo grado dalla III Corte D’Assise per “non aver commesso il fatto”, i giudici allora valutarono come contraddittoria la situazione probatoria raccolta.  Il secondo grado di giudizio ha oggi confermato l’assoluzione dai reati di omicidio volontario e rapina.

La vittima fu picchiata brutalmente con calci e pugni e ferita più volte con una bottiglia di vetro. Il muratore 32enne spesso andava nel posto dove è stato aggredito per trovare lavoro. Il suo corpo martoriato fu trovato dal fratello che raccontò agli investigatori di non averlo visto da due giorni. I due vivevano insieme in una baracca vicino al luogo dell’omicidio. Secondo i carabinieri, che dopo qualche giorno arrestarono Gelu Costiuleanu, il movente dell’omicidio fu il rifiuto della vittima nel consegnare una somma di denaro ed un telefonino. Un delitto compiuto in un Contestodu  emarginazione, povertà e difficoltà economiche. Oggi il processo d’appello ha confermato l’assoluzione di Costiuleanu, una sentenza che lascia ancora il caso irrisolto. 

[18-09-2014]

 
Lascia il tuo commento