Non ho il lievito istantaneo: cosa posso usare per completare la mia ricetta? Ecco le sostituzioni

Capita spesso di cimentarsi in cucina per creare pietanze dolci o salate ma di non avere tutti gli ingredienti necessari. Nel caso degli impasti, però, il lievito è fondamentale: ecco come sostituire il lievito istantaneo per ricette veloci e risparmiare.

cos'è lievito istantaneo
Come sostituire il lievito istantaneo: cosa serve (Corriereromano.it)

L’abilità tra i fornelli è di certo una componente importante quando si vuole sperimentare qualche nuova ricetta in cucina. Ma è anche vero che a fare la differenza molto spesso sono i trucchi per velocizzare i tempi di preparazione e soprattutto sapere come sostituire gli ingredienti.

Con l’avvento della stagione invernale è sempre più probabile che ci assalga la voglia improvvisa di preparare qualche impasto per ricette sia salate che dolci, ma non sempre il lievito è a nostra disposizione.

Come si sa, il lievito è l’ingrediente fondamentale per la preparazione degli impasti, in particolar modo il lievito istantaneo che riduce di molto il tempo di lavoro. Ma come fare quando non abbiamo il lievito istantaneo in casa? Di seguito gli ingredienti migliori per sostituirlo.

Per cosa si usa il lievito istantaneo

lievito istantaneo impasti
Come si usa il lievito istantaneo per gli impasti (Corriereromano.it)

Per fare in modo che i nostri impasti siano tali, il lievito è l’ingrediente principale. Soprattutto per gli impasti salati il lievito di birra è il prodotto più utilizzato, anche se necessita di un tempo di riposo dell’impasto prima di poterlo trasformare in una pizza, focaccia o qualsiasi altro cibo a base salata.

Proprio per questo motivo negli ultimi anni è sempre più utilizzato il lievito istantaneo, che permette di mescolarlo agli altri ingredienti e cuocere direttamente gli impasti senza attendere. Il lievito istantaneo si usa sia per preparare cibi salati che dolci, distinzione che possiamo notare direttamente sulle etichette di vendita evitando di confondere i due tipi.

La differenza tra il lievito istantaneo e il normale lievito di birra sta principalmente nel modo in cui si produce gas: nel secondo caso la lievitazione avviene grazie a degli organismi viventi, mentre nel lievito istantaneo la componente principale che permette all’impasto di lievitare è data dalle sostanze chimiche che per reazione sprigionano gas che fa lievitare l’impasto a contatto con il calore del forno o del fuoco. In questo senso, dunque, esistono degli ingredienti naturali che possono fungere da sostituti del lievito istantaneo.

Come sostituire il lievito istantaneo

Come abbiamo accennato, se la particolarità del lievito istantaneo è dovuta da una reazione di sostanze chimiche le sue sostituzioni non sono da meno. Anche se sono tutti rimedi naturali. Il primo metodo con cui sostituire il lievito naturale è utilizzare bicarbonato e limone, mescolando il primo alle polveri come la farina e il limone agli ingredienti liquidi in qualità di componente acida.

Il secondo sostituto è il cremor tartaro, un lievito naturale estratto dall’uva che dunque non contiene origini animali. Anche in questo caso, essendo il cremor tartaro in polvere, basterà mescolarlo all’acqua per far attivare il processo di lievitazione. L’altro sostituto è invece un ingrediente che si trova normalmente nella nostra cucina, ovvero gli albumi delle uova.

In questo caso bisogna montarli a neve e aggiungerli all’impasto per renderlo più soffice e vaporoso. Infine, l’ammoniaca per dolci. Come indica lo stesso nome, l’ammoniaca ha un odore piuttosto forte quindi per riuscire a far evaporare del tutto l’aroma bisogna far attenzione alla cottura dei dolci che devono essere ben cucinati.

Impostazioni privacy