Insalata di rinforzo, il piatto immancabile sulla tavola di Natale a Napoli: la ricetta definitiva richiede questo preciso ingrediente

La chiamano insalata, ma non aspettatevi qualcosa di leggero; l’insalata di rinforzo napoletana è il piatto immancabile della Vigilia di Natale e la sua ricetta è molto semplice.

insalata di rinforzo ricetta e storia
L’insalata di rinforzo napoletana must delle vigilie di Natale (CorriereRomano.it)

Se c’è una cosa che non può mancare mai sulle infinite tavole imbandite napoletane del cenone della Vigilia di Natale è l’insalata di rinforzo. Attenzioni però a considerarla una semplice insalata, perché non lo è.

Si tratta, invece, di un piatto ricco e sostanzioso che si prepara a partire dai cavolfiori con l’aggiunta di diverse altre verdure. Ne esistono diverse versioni per la verità, del resto si tratta di un piatto così radicato nella tradizione culinaria napoletana che praticamente ogni famiglia ha la propria ricetta che si tramanda di generazione in generazione. È comunque un piatto antico che risale al 1800 e di cui già Cavalcanti parlava nel suo libro Cucina teorico-pratica. Per quante variante ne possano esiste però la base ci sono degli ingredienti immancabili; la presenza del cavolfiore lessato e delle papacelle ovvero un particolare peperoncino campano di colore giallo o rosso dal sapore amarognolo.

Diverse sono anche e teorie sul nome; la più accredita è che essendo un piatto che accompagna di pranzi dalla Vigilia di Natale fino a Capodanno, l’insalata va di volta in volta rinnovata, cioè rinforzata, con ingredienti nuovi. L’alternativa potrebbe essere dovuta alla presenza dell’aceto che andrebbe a rafforzare il sapore del cavolfiore.

Come preparare una vera insalata di rinforzo secondo ricetta napoletana

L'insalata di rinforzo perché si chiama così
L’insalata di rinforzo con baccalà (CorriereRomano.it)

Per preparare la versione più tradizionale e semplice dell’insalata di rinforzo serve pulire, dividere in cime e lessare un cavolfiore di medie dimensioni per circa 10 minuti, l’importante è che l’ortaggio si ammorbidisca e che le cime restino sode.

Una volta lasciato raffreddare il cavolfiore, va riposto in un’insalatiera in cui saranno aggiunti tutti gli altri ingredienti e il condimento. Iniziate da quest’ultimo e aggiungete quindi sale, pepe, olio evo e aceto mescolate e lasciate insaporire il cavolfiore. Nel frattempo preparate gli altri ingredienti che andranno aggiunti. Nello specifico serviranno: un paio di papacelle tagliate a spicchi, 7/8 acciughe sotto sale tagliate a pezzettini, 100 g di olive nere di Gaeta e 100 grammi di olive verdi, due cucchiai di capperi sotto sale e 100 grammi di sottaceti misti.

Una volta mescolati per bene tutti gli ingredienti, coprite l’insalatiera e lasciate riposare in frigo alcune ore prima di servire.

Le varianti più diffuse

La variante più comune dell’insalata di rinforzo napoletana è quella che prevede l’aggiunta del baccalà. In questo caso, c’è bisogno che si faccia sbollentare il baccalà già ammollato per una decina di minuti, dopodiché lo si può sfaldare e aggiungere a pezzettini all’insalata.

Impostazioni privacy