Disturbo affettivo stagionale, cos’è la depressione canina e come si riconosce

La depressione colpisce non soltanto l’essere umano, ma anche i nostri amici cani: come si riconosce la depressione canina?

Cane con lo sguardo depresso
Cane con lo sguardo depresso (Corriereromano.it)

Così come gli uomini, anche i cani possono soffrire di depressione. Viene definita depressione canina, ed è molto frequente, colpisce soprattutto durante la stagione invernale e si manifesta attraverso determinati sintomi, gli stessi che poi coinvolgono l’essere umano. Alcuin veterinari la chiamano “disturbo affettivo stagionale”, oppure SAD.

Anche i nostri amici cani possono soffrire di depressione, specialmente durante i mesi freddi, quando fa buio presto e le temperature si abbassano. Gli esperti del Kennel Club, la più antica associazione cinofila britannica, fornisce alcune informazioni relative alla depressione canina, o SAD, proprio in questo periodo, perché rappresenta l’inizio della fase più acuta.

In cosa consiste la depressione canina e come si riconosce: anche i cani possono soffrire di depressione

Cagnolino riposa nella sua cuccetta
Cagnolino riposa nella sua cuccetta (Corriereromano.it)

La SAD (Seasonal Affective Disorder), è strettamente connessa con i ritmi circadiani dell’animale, o dell’essere umano. I ritmi circadiani sono quelle fasi che regolano il sonno e la veglia nell’arco delle 24 ore che compongono la giornata. Queste fasi sono connesse alle ore di luce e alla temperatura, poiché regolano le varie funzioni biologiche.

In tal senso, gli ormoni che regolano la serotonina e melanina subiscono degli squilibri, e influenzano così il sonno e la veglia. Ma non solo, poiché i ritmi circadiani incidono anche sull’appetito, sulla sonnolenza, sull’umore, sul desiderio di essere attivi. Quando arriva la stagione fredda, con temperature basse e poche ore di luce, il nostro corpo, così come quello degli animali, percepisce questo cambiamento.

I sintomi del Disturbo Affettivo Stagionale (SAD)

Il cane presenta determinati sintomi, è maggiormente pigro, ha sonnolenza, mancanza di appetito, oppure, al contrario, tende a mangiare troppo. E ancora, non dorme bene, è agitato o apatico. Non ha entusiasmo nelle passeggiate e nell’esercizio fisico, e aumenta la sua irrequietezza e la sua aggressività. In certi casi, può tentare anche la fuga, oppure non trattiene i propri bisogni fisiologici.

Tutti questi sintomi, uniti a continue leccate di zampe e o scrollamento del pelo, possono indicare una situazione di stress e di depressione. Che cosa fare, in questi casi? Gli esperti riferiscono che i cani cercano di scaricare lo stress proprio attraverso le continue leccate di zampe o lo scrollamento del pelo, o ancora sbadigliando, scavando o masticando di continuo.

Occorre far rilassare il cane, avvicinando la cuccia a una finestra, per permettere al cane di vedere la luce ma anche di stare al caldo. Inoltre, occorre spronarlo a fare attività fisica, e occorre prestargli molta attenzione, con coccole e giochi e magari nuovi sfiziosi cibi. Bisogna saper stimolare la curiosità dell’animale, proponendo nuovi giochi, facendo lunghe passeggiate con la luce. In caso di depressione canina grave, meglio contattare un veterinario.

Impostazioni privacy