Coratella con carciofi, anche la Sora Lella la faceva così: il sapore di un piatto antico sulla tua tavola

Una ricetta fantastica che rispecchia la tradizione laziale, la coratella di carciofi, ottima ed estremamente calorosa

coratella di carciofi
coratella di carciofi (corrireromano.it)

Oggi cari signore e signori, impareremo a fare la cara e vecchia coratella con i carciofi. Un gustosissimo piatto della tradizione culinaria ebraica, poi allargata nel territorio del centro della nostra nazione. Impariamo quindi a farla, seguendo la ricetta originale della tradizione romanesca. Cominciamo con il trovare gli ingredienti. Dovete sapere che la ricetta che vi stiamo per dare è la stessa che usava anche la Sora Lella. Partiamo con a parte viva, 1 Kg di coratella di agnello. Con coratella si intende la trachea, i cuori ed in fine i polmoni. In alcune zone sarà più difficile da trovare, ma tendenzialmente lo hanno tutte le macellerie.

Per sicurezza consigliamo di ordinarla preventivamente così da essere sicuri di averla nel momento necessario. Continuiamo con la nostra saporita ricetta. Trovate 2 bei carciofi, 1 cipolla, 2 spicchi d’aglio ed in fine sale, pepe ed olio a gusto personale. Queste sono le dosi per quattro persone e il tempo totale di realizzazione, tra preparazione e cottura. Passiamo ora alla preparazione vera e propria. Prendete i carciofi e pelateli togliendo loro le foglie interne.

Coratella di carciofi, proprio come faceva la Sora Lella

coratella di carciofi
coratella di carciofi (corrireromano.it)

Tagliateli a metà e togliere anche loro le punte. Eliminate la barbetta in eccesso. Tagliateli ora a spicchi, non troppo grossi ma neanche troppo piccoli. Buttateli in fine a riposare in una bacinella con acqua e limone. Servirà a non farli ossidare all’aria. Passate a tagliare la coratella. Separate le varie parti e lavatele. Tagliate a metà il cuore e lavate per bene sia lui che la trachea. Tagliate a fettine i polmoni. La trachea invece andrà tagliata ad anellini. Una volta lavati ricordate di asciugarlo per bene con la carta assorbente.

Fatto questo, passate con lo scaldare l’aglio assieme all’olio in pentola. Imbiondito l’aglio, toglietelo dalla padella, ma attenti, l’olio servirà a preparare i carciofi. Buttateli in padella e lasciateli rosolare a fuoco alto per circa 5 minuti. Ma andate anche qui a gusto personale. La coratella è un piatto da gustare con la famiglia, durante le feste è sempre quotatissima. Non scordatevi quindi di aggiustarla per bene di sale. Aggiungete un po’ di acqua ed in fine coprite e abbassate la fiamma. Lasciate andare per 10 minuti abbondanti. Prendete in fine una seconda padella dove tornerete a scaldare l’olio.

Qui mettete la cipolla tritata, lasciatela appassire. Aggiungete al soffritto trachea e polmone. Questo andrà per altri 5 o 6 minuti. Sfumate con un bel bicchiere di vino ed in fine aggiungete il cuore. 4 minuti, continuando a rosolare. Sale e pepe e fine, non resterà altro che unire i carciofi e lasciare in pentola per gli ultimi minuti, a gusto personale. Attenzione, servire calda. Gustatevela assieme a qualcun che la saprà apprezzare nella sua gustosa antichità, cambiata pochissimo negli anni.

Impostazioni privacy