Torvaianica, accende un fuoco per scaldarsi e viene investito dalle fiamme: muore senzatetto

Un senzatetto di 50 anni è morto stamane in ospedale, dove era stato trasportato per le ustioni riportate in un incendio a Torvaianica, frazione di Pomezia (Roma).

Ambulanza
Ambulanza (Corriereromano.it)

Non ce l’ha fatta il senzatetto di 50 anni che era rimasto gravemente ustionato in un incendio divampato in un canneto a Torvaianica, frazione di Pomezia (Roma) nella notte fra mercoledì e giovedì. Il 50enne aveva acceso un piccolo fuoco per scaldarsi, ma è stato investito dalle fiamme.

Ad accorgersi di quanto accaduto una pattuglia dei carabinieri che ha subito soccorso l’uomo, poi trasportato d’urgenza in ospedale, dove, purtroppo, è deceduto nella mattinata di oggi a causa delle gravi lesioni riportate.

Torvaianica, ustionato dopo aver acceso un fuoco per scaldarsi: morto senzatetto di 50 anni

Carabiniere
Carabiniere (Corriereromano.it)

Questa mattina, venerdì 22 dicembre, è morto in ospedale l’uomo che era rimasto ferito in un incendio nella notte fra mercoledì 20 e giovedì 21 dicembre a Torvaianica, frazione del comune di Pomezia, in provincia di Roma. La vittima è un 50enne senza fissa dimora di origini marocchine.

Il 50enne, secondo quanto ricostruito, come riferisce la redazione di Roma Today, aveva acceso un piccolo fuoco per riscaldarsi, vicino un canneto in via Las Vegas, dove aveva trovato riparo. Purtroppo, però, poco dopo, le fiamme lo hanno investito. Le urla disperate ed il fumo hanno destato l’attenzione di una pattuglia di carabinieri che ha subito soccorso il 50enne, trovato riverso al suolo, ed allertato i sanitari chiedendo l’intervento di un’ambulanza.

Immediato l’arrivo del personale medico del 118 e dei vigili del fuoco. I pompieri hanno subito spento il rogo evitando che questo si propagasse, mentre i sanitari, dopo le prime cure, hanno trasportato d’urgenza il senzatetto presso l’ospedale Sant’Andrea di Roma, dove è arrivato in condizioni critiche. Qui, i medici hanno provato in tutti i modi a tenerlo in vita, ma è stato tutto inutile: questa mattina, il 50enne è deceduto a causa delle gravissime ustioni riportate su tutto il corpo.

Le indagini dei carabinieri

I militari dell’Arma della stazione locale, che si sono occupati delle indagini sul caso, hanno accertato che ad appiccare il piccolo fuoco era stata la stessa vittima, quasi sicuramente per contrastare le basse temperature della notte.

Impostazioni privacy