Romina Power e Al Bano Carrisi ricordano Ylenia: “Aspetto il tuo ritorno”

Ylenia Carrisi è scomparsa da quasi 30 anni, i genitori Al Bano Carrisi e Romina Power la ricordano nel giorno del suo compleanno.

Mercoledì 29 novembre era il compleanno di Ylenia Carrisi, figlia di Al Bano e Romina Power, scomparsa in circostanze misteriose 30 anni fa, nei primi giorni del gennaio 1994. Da allora, di lei non si sono avute più notizie, nonostante le ricerche siano andate avanti per anni. L’ultima volta che la ragazza, all’epoca 23enne, fu avvistata, erano le prime ore del 5 gennaio 1994.

Mercoledì scorso, in occasione del 53esimo compleanno di Ylena, Al Bano e Romina si sono riuniti per ricordarla. Entrambi hanno pubblicato suoi propri profili social un ricordo della loro bambina. “In questo giorno, 35 anni fa, sei arrivata nelle nostre vite, Ylenia”, recita il post di Romina, che poi aggiunge “l’amore che provo per te non cambierà mai, aspetterò sempre il tuo ritorno”.

Al Bano e Romina, in occasione del suo 53esimo compleanno, ricordano Ylenia, la figlia scomparsa 30 anni fa

Al Bano e la figlia Ylenia durante un viaggio
Al Bano e la figlia Ylenia durante un viaggio (Profilo Instagram Al Bano – Corriereromano.it)

“Sopravvivere a un figlio è una condanna”, scrive Al Bano nel suo post “ma per me sei sempre al mio fianco. Ci inseguiamo nelle strade misteriose dei ricordi, delle foto” e poi il cantante pugliese sottolinea, con immenso dolore, che “quando salirò le scale del cielo, noi due ci abbracceremo”.

Una separazione dolorosa, drammatica, soprattutto alla luce del fitto mistero che la contorna. L’ultima volta che la famiglia parlò con Ylenia era il 1 gennaio 1991, si trattava di una telefonata di auguri di buon anno, nella quale Ylenia riferiva di stare bene. La telefonata fu effettuata da un hotel di New Orleans.

Il mistero della scomparsa di Ylenia Carrisi: un dolore mai superato dai genitori

La ragazza, infatti, alloggiava nella città statunitense perché frequentava da qualche mese il musicista Alexander Masakela, mal visto dalla famiglia. L’uomo era conosciuto come una sorta di guru, con precedenti per molestie e possesso di droga. Un personaggio stravagante, pericoloso, denunciato varie volte per violenza sulle donne e per questioni di spaccio di stupefacenti.

Masakela venne arrestato il 31 gennaio, ma fu rilasciato dopo due settimane per mancanza di prove. Nonostante il caso sia rimasto irrisolto, Al Bano è sempre stato convinto che a condurre la figlia in un ambiente sporco e pericolo fosso stato lo stesso Masakela, invischiandola in un giro di droga e di tratta delle bianche. Nel 2014, alla chiusura del caso, Ylenia venne dichiarata deceduta il 6 gennaio 1994, anche in assenza di dati effettivi.

Impostazioni privacy