Piumone in lavatrice, il trucco per lavarlo correttamente: i risultato ottimo è garantito

Sai come lavare correttamente il tuo amato piumone in lavatrice? Il trucco per non rovinarlo: i risultati saranno entusiasmanti.

Piumone in lavatrice come lavarlo correttamente
Un morbido piumone – Corriereromano.it

Nei periodi più freddi dell’anno, è importante coprire bene il proprio letto per non rischiare di sentire freddo nel corso della notte. Nelle ore più buie, infatti, la temperatura scende pericolosamente e per riscaldarsi gli italiani accendono ovviamente i termosifoni o il camino. Quando però la loro azione si esaurisce, è bene avere un’ottima copertura sul letto. La maggior parte delle persone tende ad utilizzare o una trapunta o un piumone.

La differenza tra le due cose è veramente minima: per piumone intendiamo solitamente un copriletto imbottito di peso invernale che va messo con sotto le lenzuola. Il piumone, solitamente, viene imbottito in piuma d’oca. Arriva tuttavia anche il momento in cui dovrete assolutamente lavarlo: vediamo insieme come farlo con l’ausilio della lavatrice.

Come lavare il piumone in lavatrice per non rovinarlo: trucco sorprendente

Piumone in lavatrice come lavarlo correttamente
Grande letto con un piumone – Corriereromano.it

Il piumone (o il piumino), rispetto ai capi d’abbigliamento o alla biancheria intima, sono difficili da lavare. Il tessuto è sicuramente delicato e piazzandolo in lavatrice rischierete sicuramente di rovinarlo. Con il metodo giusto, tuttavia, riuscirete a farlo correttamente e i risultati saranno decisamente intriganti. Per prima cosa, ricordate di separare il piumone dal copripiumone: i materiali saranno sicuramente diversi e richiederanno metodi di lavaggio diversi. Con veemenza, prima di riporlo in lavatrice, ricordatevi di scuoterlo per eliminare residui di polvere o di capelli. Se il piumone è sintetico, potete anche adottare un’aspirapolvere per pulire il primo strato.

Una volta riposto in lavatrice, impostate una temperatura che non superi i 40 gradi. Anche la scelta del detersivo è importante: acquistate quelli meno aggressivi per non rovinare le piume. Ultimato il lavaggio, mettete la centrifuga a 900 giri così velocizzerete i tempi di asciugatura. In pochi conoscono il trucchetto della pallina da tennis: mettendola all’interno del cestello (una nuova, ovviamente, e non sporca), conserverete la morbidezza del piumone. In conclusione, ricorda di lasciarlo un paio di giorni all’esterno per asciugarlo perfettamente. Non esponete mai il vostro copriletto alla luce diretta del sole: i raggi potrebbero rovinare i tessuti in maniera irreversibile.

Piumone: è possibile lavarlo anche a mano?

Se non volete utilizzare la lavatrice, potete tranquillamente lavare a mano il vostro piumone. Con uno smacchiatore iniziate a prendervi cura delle macchie, riempite poi una vasca d’acqua calda e immergetelo al suo interno. Aggiungendo un sapone per capi delicati (pochi misurini), strofinate con delicatezza aiutandovi magari con una spazzola morbida.

Sollevate e rimettete in acqua il piumone per più volte, lasciandolo infine in ammollo per circa un’oretta. Strizzatelo, srotolatelo e ripetete il procedimento usando stavolta acqua e sapone. Anche in questo caso, asciugatelo all’esterno per un paio di giorni: ricordate nuovamente di non esporlo alla luce diretta del sole.

Impostazioni privacy