Giornale di informazione di Roma - Sabato 24 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rugby
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Rugby
 
 

Eccellenza: vincono le Fiamme Oro, male la Lazio

Biancocelesti abbattuti a Padova, le Fiamme Oro sconfiggono L’Aquila

Le romane – Le Fiamme Oro battono L’Aquila 24-6 e scavalcano i cugini della Mantovani Lazio. A Ponte Galeria sono i poliziotti ad andare in vantaggio: due calci di punizione di Benetti, prima al 2° e poi al 12°, valgono il 6-0. Partita con qualche fallo, tanto che entrambe le squadre si ritrovano in inferiorità numerica: cartellino giallo a Balsemin al 22° e a Milani al 24°. Poco spettacolo, sul terreno di gioco e un equilibrio che non si rompe. Al 33° Paolucci accorcia le distanze dalla piazzola, riportando gli abruzzesi a tiro. Ma a segnare la meta sono i padroni di casa: Vedrani schiaccia l’ovale, Benetti è preciso dalla piazzola. Il secondo tempo non è molto diverso. Cambi da una parte e dall’altra, il piede di Benetti che aggiunge punto dopo punto, le Fiamme Oro che mettono spazio tra sé e gli avversari. La meta dell’ala Marcello De Gaspari, al 64°, chiude i giochi. Per le Fiamme Oro una vittoria importante che impreziosisce una stagione giocata a testa alta: manca ancora qualche partita per levarsi altre soddisfazioni, ma la squadra della polizia ha ormai dimostrato di poterci stare alla grande, in Eccellenza.

Un ciclone che si abbatte sui biancocelesti: ecco cos’è Padova-Lazio. I veneti sgretolano la difesa degli ospiti nel giro di venti minuti, chiudendo il match con ampio anticipo. Punteggio finale 38-10. Il Petrarca fa capire subito che pomeriggio sarà: due minuti ed è subito meta con Holmes che conclude il lavoro del pacchetto di mischia. Menniti-Ippolito trasforma. Si riparte e arrivano altri punti pesanti. I veneti infatti calano il poker: al 15° il pack del Petrarca travolge i laziali. Risultato su un largo 17-0 già dopo un quarto d’ora di gioco. I biancocelesti entrano nel tabellino poco dopo grazie alla punizione di Gerber ma è una partita senza storia. Il Petrarca travolge i romani con altre due mete in una manciata di minuti. Al 18° Sanchez manda dentro Bortolussi. Al 22° Holmes schiaccia alla bandierina. Sul tabellone un 31-3 che dice tutto di un match già chiuso. A punto bonus già acquisito, però, i padroni di casa non alzano il piede dall’acceleratore e vanno ancora a segno: minuto 27, calcetto di Menniti-Ippolito e meta di Innocenti: 38-3 e neanche mezz’ora sul cronometro. Il primo tempo si chiude col Padova che sfiora la sesta meta e si apre allo stesso modo ma a maglie invertite. Dopo succede poco: tanti cambi su un terreno che si fa via via più pesante. E nel diluvio finale la Mantovani fa punti grazie a una meta tecnica al 75°. Finisce lì, col Padova che corre verso i play off.

Le altre – Mogliano e Calvisano si annullano a vicenda. Partita frizzante su un campo fangoso. I padroni di casa dominano il primo tempo ma all’intervallo è solo 9-3. Storia diversa nella ripresa: i gialloneri vanno in meta dopo otto minuti e al 46° approfittano del regalo di Steyn che si fa intercettare un passaggio: meta sotto i pali e Calvisano avanti 12-15. Al 65° Fadalti calcia la punizione del pareggio. Ed è così che finisce, visto che al 39° la punizione di Griffen vola fuori dai pali. Un pareggio che non fa felice nessuno
.Dopo giorni davvero difficili (prima la sconfitta casalinga contro il Mogliano, poi l’annuncio di Polla Roux che lascerà a fine stagione la panchina rossoblu) il Rovigo ritrova la vittoria battendo in trasferta il Reggio 11-16. Basson e Mantovani si sfidano a lungo dalla piazzola prima che ad andare in meta siano i padroni di casa. Rovigo reagisce, segna con Menon e porta a casa un risultato fondamentale che tiene accesa la fiammella della speranza play off.
Il Prato batte i Crociati ma non trova il punto bonus: i toscani si impongono 13-0 tra le mura di casa. Prato fatica a sbloccare il punteggio: bisogna aspettare la mezz’ora per vedere i primi punti con Ragusi. L’apertura dei toscani si ripete al 42° e poi trasforma la meta tecnica assegnata dall’arbitro al minuto 65°, con i Crociati in inferiorità numerica per il cartellino rosso a Ferrari.
Viadana invece fa bottino pieno contro il San Donà, battuto 33-8. Le mete arrivano subito nel primo quarto d’ora: prima segna Pavan, poi Pizarro. Apperley le trasforma entrambe. Al 44° il San Donà marca punti con Florian ma la partita non si riapre. Per il Viadana infatti ci saranno le mete di Padrò, Van Jaarsveld e Fenner quasi allo scadere. I lombardi guadagnano tre punti sul Calvisano e uno sul Prato.

Risultati XVII giornata
Marchiol Mogliano - Cammi Calvisano 15-15
Petrarca Padova - Mantovani Lazio 38-10
Rugby Viadana - M-Three San Donà 33-8
Estra I Cavalieri Prato - Crociati 13-0
Rugby Reggio - Vea FemiCz Rovigo 8-16
Fiamme Oro Roma - L'Aquila 24-6

Classifica
Rugby Viadana 73 ; Cammi Calvisano 69 ; Estra I Cavalieri Prato 66 ; Petrarca Padova 57 ; Marchiol Mogliano 52 ; Vea-FemiCZ Rovigo 48 ; Fiamme Oro Roma 33 ; Mantovani Lazio 31 ; M-Three San Donà 27 ; Rugby Reggio 21 ; L'Aquila Rugby 9 ; Crociati Rugby 4

Antonio Scafati

[30-03-2013]

 
Lascia il tuo commento