Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rugby
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Rugby
 
 

Eccellenza: sconfitte di misura per Lazio e Fiamme Oro

I biancocelesti sfiorano il colpaccio a Prato, sfortunati i poliziotti contro il San Doną

Le romane – Il Prato batte la Mantovani Lazio 20-16: primo tempo chiuso in largo vantaggio dai toscani che nella ripresa per poco non si fanno raggiungere. Bella la prova dei romani, ai quali è mancapo poco per fare il colpaccio. Per i biancocelesti la partita si mette subito in salita: è il 6° minuto, meta della seconda linea Bernini trasformata da Patelli. Al 9° Gerber potrebbe accorciare ma la sua punizione è imprecisa. In generale non sembra giornata per i calciatori: sbaglia Patelli al 14°, sbaglia di nuovo Gerber due minuti dopo. Per vedere un pallone calciato in mezzo ai pali bisogna aspettare la mezz’ora: l’estremo biancoceleste realizza una punizione ma serve a poco perché Prato va subito di nuovo in meta. E così tutti negli spogliatoi sul 14-3. Nel secondo tempo la Lazio riesce a riportarsi sotto: Rubini si presenta alla piazzola al 52° e al 64° firmando sei punti importanti. E sul 17-9 il Prato resta in inferiorità numerica (giallo a Sepe). La Mantovani ne approfitta e va in meta con Carl Manu: punteggio sul 17-16 a dieci dal termine. Partita riaperta, la Lazio spinge ma sono i toscani a fare punti: Frati realizza su punizione. È il colpo decisivo, quello che fissa il punteggio sul 20-16 finale. E così la trasferta toscana per la Mantovani Lazio si risolve con una sconfitta di misura, che vale un punticino da aggiungere in classifica.

Sconfitta d’un soffio anche per le Fiamme Oro che in casa vengono superate dal San Donà. La squadra della polizia va in svantaggio dopo appena tre minuti: calcio di punizione e Robuschi non si fa scappare l’occasione. La reazione delle Fiamme Oro però c’è, il drop tentato (e sbagliato) da Boarato è un segnale e alla fine il pareggio arriva: l’apertura dei padroni di casa mette dentro una punizione. Purtroppo non dura: prima il piazzato di Robuschi, poi il giallo a Sutto che lascia le Fiamme Oro in quattordici e quindi ancora Robuschi che dalla piazzola ne mette due di seguito. A inizio secondo tempo è il turno di Boarato (punizioni al 48° e al 54°), ma Robuschi continua ad essere lucidissimo e mantiene a distanza il Reggio, che deve incassare due cartellini gialli. La sfida continua ad essere tutta tra i due calciatori che si battono punto su punto: al 73°, Boarato firma la punizione del 12-15. E' il preludio dei brividi finali. Una partita del genere infatti non poteva che terminare con un colpo di teatro. Minuto 84°, Boarato sulla piazzola per la punizione del virtuale pareggio. Ma l’ovale va a sbattere contro la traversa. E finisce così, 12-15: San Donà espugna il campo delle Fiamme Oro.

Le altre – Lo scontro salvezza tra Reggio e L’Aquila se lo aggiudicano i padroni di casa 18-3. Prima meta dell’incontro del Reggio, con Malneek al 19°, poi praticamente solo calci. Le punizioni di Mantovani per il Reggio e di Del Pinto per L’Aquila cambiano il punteggio ma non mutano gli equilibri. E così i padroni di casa ottengono una vittoria importantissima. Per gli abruzzesi, invece, le cose cominciamo a mettersi davvero male.
Il big match di giornata tra Padova e Calvisano va agli ospiti che passano in trasferta 16-24 . Partono meglio i gialloneri ma vanno in vantaggio i padroni di casa con la punizione di Menniti Ippolito. Il Petrarca insiste ma incassa prima il pareggio (punizione di Marcato) e poi il sorpasso (meta di Canavosio): e il primo tempo si chiude con i gialloneri avanti 6-18. Nel secondo tempo i due piazzati di Marcato bastano agli ospiti per respingere il tentativo di ritorno del Padova.
Il Mogliano travolge i Crociati: finisce 46-3 . La partita si chiude prestissimo. La meta al 3° minuto dell’estremo Vittorio Candiago apre le danze. Nel giro di mezz’ora le mete dei padroni di casa sono già quattro. I Crociati assistono alla prova di forza del Mogliano senza riuscire ad opporre resistenza: per gli ospiti l’unico segno sul tabellino è una punizione di Gennari al 6° minuto.
Viadana supera il Rovigo: i padroni di casa si impongono 16-12 ed è la settima vittoria su altrettante partite. Abbastanza per mantenere il primato in classifica. Pochi fronzoli in campo, con Rovigo che lentamente cede sotto i colpi del Viadana. Impeccabile Apperley dalla piazzola e solita prova maiuscola della mischia, che si conquista una meta tecnica allo scadere del primo tempo. Il resto è grande difesa. E Rovigo deve accontentarsi solo di un punto bonus.

Risultati VII giornata 
Rugby Reggio - L’Aquila Rugby 18-3
Marchiol Mogliano - Crociati Rugby 46-3
Rugby Viadana - Vea-FemiCZ Rovigo 16-12
Estra I Cavalieri Prato - Mantovani Lazio 20-16
Petrarca Padova - Cammi Calvisano 16-24
Fiamme Oro Roma - M-Three San Donà 12-15

Classifica
Rugby Viadana 33 ; Estra I Cavalieri Prato 29 ; Petrarca Padova 27 ; Cammi Calvisano 27 ; Vea Femi Cz Rovigo Delta 19 ; Marchiol Mogliano 19 ; M-Three San Donà 14 ; Mantovani Lazio 12 ; Fiamme Oro 10 ; Rugby Reggio 8 ; L’Aquila Rugby 2 ; Crociati Rfc 1

Antonio Scafati

[25-11-2012]

 
Lascia il tuo commento