Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
A tutto gas
 
» Prima Pagina » Sport Roma » A tutto gas
 
 

SBK, Melandri di un soffio in gara1. Poi doppietta Aprilia

In gara 2 il ravennate rallentato da una gomma finita

GARA1 - Marco Melandri ha trionfato in gara 1 del Round di Portimao, sesto appuntamento del Mondiale Superbike 2013. Il pilota ufficiale BMW ha conquistato il successo al photofinish su Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team), dopo che il francese era uscito velocissimo dall'ultima curva, riuscendo ad affiancare il rivale poco prima della bandiera a scacchi. Soltanto sette millesimi di secondo - quarto minor distacco di sempre in una gara Superbike - hanno permesso al ravennate di conquistare il secondo successo in stagione, propiziato da un sorpasso perfetto alla curva 1, nel giro conclusivo della corsa. Guintoli ha disputato un'ultima parte di gara perfetta, riuscendo a tornare sulla coppia di testa dopo la sfortunata uscita di scena del compagno Eugene Laverty, fermato da un problema tecnico sul rettilineo ad inizio del dodicesimo passaggio, mentre si trovava al comando ed era impegnato in un'accesa bagarre con Tom Sykes (Kawasaki Racing Team). Quest'ultimo ha chiuso il podio - unico pilota partito dalla prima fila a completare la corsa - pur se un po' in affanno nel finale, dopo aver dettato il passo nei primi giri ed essersi difeso molto bene nel prosieguo della gara. Quarta posizione per Leon Camier (FIXI Crescent Suzuki), al suo miglior risultato in stagione, davanti a Loris Baz (Kawasaki Racing Team), ad un dolorante Chaz Davies (BMW Motorrad GoldBet) e a Michel Fabrizio (Red Devils Roma Aprilia). Jules Cluzel, compagno di Camier, ha avuto la meglio su Carlos Checa (Team Ducati Alstare) concludendo ottavo. Gara sfortunata per i due piloti del Team Pata Honda, Jonathan Rea e Leon Haslam, costretti al ritiro rispettivamente per un problema tecnico e per i problemi fisici derivanti dall'infortunio alla gamba sinistra. Caduta al sesto giro per Davide Giugliano (Althea Racing Aprilia), causata dalla perdita dell'anteriore della sua RSV4 alla curva 2, dopo un inizio di gara combattivo.

GARA2 -L'Aprilia piazza una doppietta in gara 2 della gara portoghese, con Eugene Laverty in testa alla corsa sin dall'avvio e con Sylvain Guintoli che e' risalito fino alla seconda piazza. Chiude sul podio anche Jonathan Rea con la Honda. Ma il momento piu' importante di gara 2 e' gia' nel giro di allineamento quando Tom Sykes che doveva schierarsi in pole position e' vittima di una caduta. Dopo un lungo tentativo di ritornare ai box facendo partire a spinta la sua Kawasaki, senza trovare l'aiuto dei commissari apparsi a dir poco inefficienti, il britannico riporta la moto in garage, i meccanici sostituiscono il cupolino danneggiato e soprattutto le mezze manette. Al via parte dalla pit lane dopo che l'ultimo concorrente e' sfilato via. Ma per lui non c'e' nulla da fare, e' costretto a rientrare varie volte a box e deve accontentarsi della ricerca del giro piu' veloce. La battaglia per la vittoria e' tra Laverty, Rea e Melandri. All'ottavo giro Guintoli passa la Bmw del "Macio" e si porta in terza posizione. La moto bavarese mostra problemi di gomme e Melandri e' passato anche dalla Kawasaki di Baz, per poi scivolare indietro. Al 18° giro Guintoli passa sulla linea del traguardo Rea e si porta alle spalle del compagno di team Laverty, al comando con 5" di vantaggio. L'Aprilia Racing festeggia una bella doppietta con il francese che consolida la sua leadership iridata. Buon terzo posto per Rea nosnostante i problemi di elettronica mostrati dalla sua Honda. A seguire Baz (Kawasaki), Davies (Bmw), Checa (Ducati), Cluzel (Suzuki), Badovini (Ducati); Giugliano (Aprilia), Fabrizio (Aprilia). Marco Melandri si e' piazzato al dodicesimo posto.


Vincenzo Samà

[09-06-2013]

 
Lascia il tuo commento