Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Lazio
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Lazio
 
 

Se c' Klose c' speranza, la Lazio torna a vincere

Doppietta del tedesco e Livorno battuto per 2 a 0. Petkovic resiste e si gioca tutto prima della sosta nella trasferta contro il Verona.

Bastava guardare il tabellino di Lazio-Cagliari, ultima vittoria in campionato della Lazio, per provare a indovinare chi avrebbe potuto riportare i tre punti in casa biancoceleste: due goal, un palo e tanta sostanza offensiva, il timbro è sempre il solito, quello di Miro Klose. Petkovic ringrazia, rimane in bilico e si regala l'ultima partita dell'anno, al Bentegodi contro il Verona.

LA PARTITA - Non convocato Keita per motivi disciplinari, Dias ancora in coppia con Cana, Klose dal primo minuto, centrocampo affidato a Hernanes-Biglia, con Ederson a supporto della prima punta. Parte ordinata la Lazio che cerca soprattutto le cavalcate di Lulic e Candreva sulle fasce. Al 17' proprio un tiro-cross del laterale romano diventa un assist involontario per Klose che si tuffa in scivolata ma trova il palo a negargli la gioia del goal. Gioia che si materializza due minuti dopo, ancora sull'asse Candreva-Klose: esterno delizioso in profondità per il tedesco che stoppa, si fa intercettare lo scavetto da Bardi ma lo supera, depositando con calma olimpica a rete. Al 26' bastano l'opportunismo e la freddezza del bomber biancoceleste per chiudere il match: tiro deviato di Hernanes, Klose raccoglie e trafigge ancora Bardi. Il Livorno non reagisce e la Lazio inizia a rallentare i ritmi.

Esce Cana, al suo posto Biava: occhi lucidi per Marchetti che si ritrova davanti, dopo tempo immemore, i due centrali difensivi titolari. La Lazio non cambia e la partita si spegne, Lulic, Radu e Candreva trovano due o tre volte il fondo, ma a centro area c'è poca densità e qualche buona trama sfuma in dirittura d'arrivo. Petkovic inserisce Perea e deve fare i conti con gli acciacchi di Konko e Dias, alla fine è il brasiliano a lasciare il campo per Ciani. All'82' Il giocatore colombiano imbecca Candreva, troppo egoista davanti a Bardi. Il primo tiro del Livorno è all'87' con Emerson, ma è veramente troppo poco per cambiare la storia del match.

La doppietta di Klose scaccia qualche fantasma ma non cancella i problemi in casa Lazio. Il ritorno di qualche titolare ha reso fin troppo evidenti la differenza di qualità con le seconde linee: Dias, Biava e Klose a mezzo servizio sono bastati, anche in assenza di un gioco ben definito, a dare solidità difensiva e concretezza offensiva. I ruoli sui quali concentrarsi in fase di calciomercato erano proprio quelli, e il mancato arrivo di sostituti all'altezza ha portato all'equivoco tecnico di considerare titolari dei rincalzi al massimo decenti. Perdere in un solo colpo quattro titolari, per motivi diversi e prevedibili (societari per Dias, giudiziari per Mauri, fisici per Klose e Biava) ha influito sui risultati ma, nonostante tutto, il gioco avrebbe dovuto tenere. Così non è stato e gli errori di Petkovic si sono sommati a quelli della proprietà fino all'epilogo annunciato di domenica prossima a Verona. In caso di pareggio o sconfitta l'esito dovrebbe essere scontato, ma cosa farebbe Lotito se l'allenatore bosniaco tornasse coi tre punti dal Bentegodi? Riconfermerebbe clamorosamente il tecnico? Oppure gli darebbe un altrettanto clamoroso benservito? Dinamiche paradossali e incoerenti. Che ormai non stupiscono più.

Valerio Lazzari

LAZIO-LIVORNO 2-0
 
Marcatori: 19' Klose (L), 26' Klose (L)
 
 
 
 
Lazio (4-4-1-1): Marchetti; Konko, Cana (46' Biava), Dias (80' Ciani), Radu; Candreva, Biglia, Hernanes, Lulic; Ederson (65' Perea), Klose.
 
In panchina: Strakosha, Guerrieri, Cavanda, Ciani, Novaretti, Vinicius, Ledesma, Onazi, Felipe Anderson, Floccari. All. Petkovic
 
 
Livorno (3-5-2): Bardi; Coda (46' Valentini), Emerson, Ceccherini; Schiattarella, Biagianti, Luci, Duncan, Mbaye (46' Greco); Siligardi (64' Emeghara); Paulinho.
 
In panchina: Anania, Aldegani, Rinaudo, Gemiti, Lambrughi, Belingheri, Benassi, Mosquera, Borja, Emeghara. All. Nicola
 
Arbitro: Sebastiano Peruzzo (sez. Schio);
Assistenti: Nicoletti; Grilli
IV Uomo: Posado;
ADD1: Mazzoleni;
ADD2: Abbattista
Recupero: 1' pt; 3' st
Note: Ammoniti Coda (LI), Hernanes (L), Luci (LI), Schiattarella (LI), Greco (LI), Radu (L), Duncan (LI)

[15-12-2013]

 
Lascia il tuo commento