Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Lazio
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Lazio
 
 

La Lazio sfata il tabý, Chievo battuto

Gli uomini di Petkovic chiudono i conti nel primo tempo coi goal di Candreva, Cavanda e Lulic. Lazio a 6 punti in classifica dopo 3 partite.

La Lazio torna alla vittoria dopo il brutto ko di Torino, vittima di turno la bestia nera Chievo, che torna a casa, dopo una serie impressionante di risultati positivi all'Olimpico, senza punti. Giornata piena, quella biancoceleste, con l'arrivo della salma dell'indimenticato Giorgio Chinaglia a Roma e la protesta pacifica dei sostenitori laziali, che disertano la Curva Nord per i primi quindici minuti, sostituiti da uno striscione inequivocabile contro il presidente Lotito, reo di averli ancora una volta illusi e delusi in fase di calciomercato.

LA PARTITA - Petkovic perde Radu per infortunio e Hernanes per squalifica. Al posto del romeno c'è Cavanda, nel ruolo lasciato vuoto del Profeta si sistema il connazionale Ederson. Il brasiliano fa legna e inventa sin dai primi minuti: all'8' sfera recuperata in scivolata e assist per Candreva che entra in area, calcia di destro e trova una deviazione provvidenziale che spiazza Puggioni sul primo palo. Biava lascia il campo poco dopo (probabile distorsione alla caviglia), al suo posto Ciani. Lazio in vantaggio ma Chievo in controllo, i veronesi tengono palla, collezionano calci d'angolo e al 35', su errore di Cavanda, sfiorano il pareggio con Paloschi. Petkovic fiuta il pericolo e inverte i terzini, il belga non fa in tempo ad andare a destra che subito risulta decisivo: discesa sull'out, cross che si perde sulla fascia sinistra, palla a Ledesma che scodella di nuovo al centro trovando la goffa uscita di Puggioni e lo stesso Cavanda, che in spaccata sigla il primo goal in Serie A. Passano tre minuti e Lulic chiude i conti su bella imbeccata di Onazi.

Sannino si gioca Estigarribia, che sfiora il 3 a 1 a inizio ripresa. Candreva è ispiratissimo e per poco non trova il goal capolavoro in pallonetto, con Puggioni che benedice il palo alla sua sinistra. Lulic e Klose provano a fare poker, Estigarribia e Paloschi sono gli ultimi ad arrendersi ma il divario tra le due squadre è troppo marcato e c'è anche tempo, prima della fine del match, per l'esordio in Serie A del gioiellino Keita, in rampa di lancio per un posto da titolare giovedì sera in Europa League contro il Legia Varsavia.

Seconda vittoria interna per la Lazio, che si risolleva e inizia la settimana pre-derby nel migliore dei modi. Petkovic manda in soffitta il doppio regista e cambia in corsa i terzini, affidandosi allo scalpitante Ederson, apparso pimpante e continuo. Candreva è ormai leader e non sbaglia più un colpo, la difesa tiene e Marchetti per la prima volta dall'inizio della stagione non subisce reti. L'impressione è che, disastri di mercato o meno, dare un giudizio sulla Lazio sia ancora prematuro, soprattutto prima di vedere i biancocelesti alle prese con ritmi e test più impegnativi.

Valerio Lazzari



LAZIO-CHIEVO 3-0
Marcatori: 8' Candreva (L), 38' Cavanda (L), 42' Lulic (L)
 
Lazio (4-4-1-1): Marchetti; Konko, Biava (15' Ciani), Cana, Cavanda (90' Keita); Candreva, Ledesma, Onazi, Lulic;  Ederson (78' Gonzalez), Klose.
In panchina: Berisha, Strakosha, Dias, Novaretti, Vinicius, Crecco, Toukara, Floccari. All. Petkovic
 
Chievo (4-4-2): Puggioni; Sardo, Papp, Cesar, Dramè; Sestu (46' Estigarribia), Radovanovic (59' Pellissier), L. Rigoni, Hetemaj; Thereau (70' Acosty), Paloschi.
In panchina: Silvestri, Squizzi, Bernardini, Frey, Claiton, Pamic, Calello, Lazarevic, Ardemagni. All. Sannino
 
 
Arbitro:  Gianpaolo Calvarese (sez. Teramo)
Assistenti: Liberti, Meli
IV Uomo: Stallone
ADD1: Tagliavento
ADD2: Ghersini
 
Note: Ammoniti Sestu (C), Ciani (L), Lulic (L), L Rigoni (C), Papp (C), Acosty (C), Sardo (C), Hetemaj (C)
Recupero: 3' pt; 3' st


 



[15-09-2013]

 
Lascia il tuo commento