Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Lazio
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Lazio
 
 

In Europa č un'altra Lazio: Borussia M'gladbach eliminato, biancocelesti agli ottavi

I tedeschi crollano sotto i colpi di Candreva e Gonzalez. Nel prossimo turno altra trasferta in Germania, stavolta contro lo Stoccarda.

Continua la strana stagione a corrente alternata della Lazio di Petkovic. L'Europa trasforma il brutto anatroccolo di Siena nel cigno che non t'aspetti, bello e autoritario come solo nelle serate migliori. Il 'Gladbach ne esce fuori ridimensionato e con le ossa rotte, nonostante il foltissimo seguito che, dopo aver bivaccato, senza troppi complimenti, a Piazza di Spagna, ha contribuito alla bella cornice di pubblico presente all'Olimpico. Atmosfera rovinata dai soliti evitabili incidenti prima della partita, con tre tifosi tedeschi accoltellati nei pressi dello stadio Olimpico, nessuno, fortunatamente, in condizioni preoccupanti.

LA PARTITA - Niente sorprese per Petkovic, solo una conferma: Cana supera Ciani nelle gerarchie e affianca Biava al centro della difesa, che torna a quattro. I tedeschi provano a fare la partita ma non convincono, la Lazio sfrutta il primo errore della rivedibile difesa biancoverde e indirizza definitivamente la qualificazione: al 10' Dominguez si esibisce in un imbarazzante controllo di esterno piede, Candreva lo brucia e non lascia scampo a ter Stegen. Il giovane portiere tedesco viene bombardato dalla distanza: prima ci prova Lulic, senza fortuna, al 33' è il turno di Radu, ter Stegen respinge corto e Gonzalez è un falco nella ribattuta a rete sotto la traversa. Il 2 a 0 taglia le gambe ai tedeschi, che si ritrovano fuori dai giochi ancor prima di poter imbastire mezza azione d'attacco.

La ripresa è poco più di un allenamento, con il Borussia che s'imbottisce di attaccanti ma non riesce a costruire molto. L'unico che impensierisce la difesa biancoceleste è Younes: al 77' Marchetti è saltato ma Göcek non è Karasev e ammonisce il tedesco per simulazione. Si rivede Onazi, entra Pereirinha, Lulic e Cana tolgono un paio di vole le castagne dal fuoco in area piccola, ma è lo stesso Borussia a non crederci più e ad arrendersi alla superiorità degli avversari. Finisce così, con l'Olimpico in festa e la Lazio agli ottavi, dove incontrerà un'altra compagine tedesca, lo Stoccarda di Labbadia, fresco di qualificazione ai danni dei belgi del Genk. 

Che la Lazio fosse superiore al Borussia M. lo si era già capito all'andata, dove solo una serie di disattenzioni ed episodi sfavorevoli avevano negato la vittoria ai biancocelesti. Fa impressione però vedere l'autorevolezza con la quale gli uomini di Petkovic si sono imposti, mantenendo la concentrazione dal primo al novantesimo minuto. Viene da chiedersi perché la stessa prestazione non fosse possibile contro il Siena, avversario certo non trascendentale. L'impressione, ancora una volta, è che la Lazio abbia dato precedenza alle Coppe, cercando di barcamenarsi in qualche modo in campionato. Missione riuscita a metà, anche perché troppo poco è stato fatto per difendere un terzo posto ormai in coabitazione con l'arrembante Milan. Gli obiettivi probabilmente stanno cambiando in corsa, il secondo Monday match consecutivo, in casa, contro il Pescara, sa tanto di ultima chiamata in chiave terzo posto: qualsiasi risultato diverso dalla vittoria potrebbe mettere una pietra tombale su un sogno inseguito ormai da tre anni.

Valerio Lazzari


LAZIO-BORUSSIA MOENCHENGLADBACH 2-0


Marcatori: 10' Candreva (L), 33' Gonzalez (L) 

Lazio (4-1-4-1): Marchetti; Konko, Biava, Cana, Radu; Ledesma; Candreva (82' Pereirinha), Gonzalez (68' Onazi), Hernanes, Lulic; Floccari (78' Kozak).

In panchina: Bizzarri, Ciani, Ederson, Lombardi. All. Petkovic

Borussia Moenchengladbach (4-4-1-1): Ter Stegen; Jantschke, Stranzl, Dominguez, Wendt; Cigerci (68' Hanke), Nordveit, Marx (78' Xhaka), Arango (52' Younes); Hermann; De Jong.
In panchina: Heimeroth, Daems, Rupp, Brouwers. All. Favre

Arbitro: Hüseyin Gocek (TUR)
Assistenti: Mustafa Emre Eyisoy, Orkun Aktas;
IV uomo: Cem Satman
Assistenti aggiunti: Barış Şimsek, Mete Kalkavan

Note: Ammoniti Younes (B),

Recuperi: 1' p.t, 3' s.t.

[21-02-2013]

 
Lascia il tuo commento