Giornale di informazione di Roma - Domenica 04 dicembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

La Roma butta due punti: ennesima brutta prestazione a Verona

Col Chievo finisce 3-3: aprono Sadiq e Florenzi, rispondono Paloschi e Dainelli, e nel finale Pepe pareggia il gol di Iago Falque.

Trascorrono le settimane, eppure tutto in casa Roma sembra restare uguale. Nemmeno le feste natalizie hanno rigenerato i giallorossi, protagonisti di un dicembre disastroso e, a Verona contro il Chievo, di una ripresa di campionato in linea con le ultime uscite. Troppi assenti, è vero, per poter giudicare progressi e regressi della squadra. E' altrettanto vero, però, che tolto qualche sprazzo nel primo tempo la prestazione è stata comunque molto scadente.

PRIMO TEMPO – Garcia deve fare i conti con l'assenza di quasi tutto il centrocampo (Pjanic e Nainggolan squalificati, Keita e De Rossi infortunati), e così schiera Iago Falque e Florenzi insieme al reduce Vainqueur. In difesa torna Maicon a destra, mentre in attacco Sadiq prende il posto di Dzeko. La Roma lascia fin dai primi minuti il possesso di palla al Chievo, trovando però il vantaggio al primo affondo. Tanto per cambiare, è Gervinho a scatenarsi in progressione, a ciccare un tiro di sinistro e a favorire il tocco vincente di Sadiq. Il diciottenne è al secondo gol in due partite. I padroni di casa rispondono con una conclusione di Castro che calcia fuori. Al 15' nuovo contropiede di Gervinho, concluso però male da Maicon che sbaglia il cross da ottima posizione. Al 18' infortunio per Meggiorini, che deve lasciare il posto a Inglese. I giallorossi agiscono soprattutto in contropiede, creando due ottime occasioni. La prima è per Maicon, che va in percussione centrale e conclude da 25 metri, con buona risposta di Bizzarri. Al 34' Sadiq va via a Gamberini (complice un infortunio muscolare per il difensore) e si presenta a tu per tu con Bizzarri, ma colpisce il palo esterno. Ma è il preludio al gol, causato tre minuti dopo da un grave errore di Cesar, che regala palla a Florenzi: l'esterno parte in percussione e batte Bizzarri in uscita con un diagonale di destro. A questo punto, consueta sceneggiatura. Ovvero, la Roma che abbassa la linea e subisce la pressione dell'avversario. E, al 44', subisce il gol: difesa troppo molle con Inglese che riesce a girarsi nell'area piccola e a concludere, Szczesny non è perfetto e manda sul palo e Paloschi mette in rete a porta vuota.

SECONDO TEMPO – La ripresa sembrerebbe vedere una Roma ancora padrona del proprio destino, almeno nei primi minuti. Al 2' Salah conclude di sinistro in diagonale su palla vagante, ma manda a lato. All'11' ancora l'egiziano (piuttosto evanescente) ha la palla del 3-1, ma si fa chiudere lo specchio da Bizzarri in uscita dopo aver catturato un tiro smorzato di Florenzi. Appena due minuti, e il Chievo pareggia: corner di Birsa e Dainelli, tutto solo nell'area piccola, può concludere in rete. Nel momento in cui la Roma dovrebbe esercitare la pressione, Garcia è costretto a rinunciare a Salah, infortunato: al suo posto entra Lorenzo Di Livio. Al 26', nuovo vantaggio dei giallorossi: bel tiro di Iago Falque dal limite dopo una nuova azione di Gervinho. A questo punto, ecco la Roma che rinuncia completamente alla fase offensiva, si abbassa e lascia il pallino del gioco al Chievo. Al 29' occasione per Dainelli, che da centroarea sbaglia la conclusione di prima. Al 35' Garcia toglie Sadiq per inserire Gyomber. Maran risponde con Pepe per Birsa. Proprio l'ex Juve è decisivo al 40': sua la punizione che Szczesny sembrerebbe parare, ma la tecnologia segnala all'arbitro Irrati che il pallone è entrato. Negli scampoli di partita che restano, si segnala soltanto Garcia, che inspiegabilmente toglie Florenzi per Tumminello.

Va ribadito, a parziale scusante di una prestazione e di una partita che comunque andava vinta, che non poteva essere questa la prova d'appello per la Roma, bersagliata dalle assenze soprattutto a centrocampo. Ciò non toglie che ogni difetto riconosciuto alla squadra in questa stagione si è visto riproposto oggi con puntualità.

Simone Luciani

Chievo-Roma 3-3

CHIEVO Bizzarri; Cacciatore, Gamberini (dal 36’ p.t. Dainelli), Cesar, Frey; Castro, Radovanovic, Hetemaj; Birsa (dal 36’ s.t. Pepe); Paloschi, Meggiorini (dal 18’ p.t. Inglese). (Bressan, Seculin, Gobbi, Sardo, N. Rigoni, Christiansen, Pinzi, Pellissier, Mpoku). All. Maran

ROMA Szczesny; Maicon, Manolas, Rüdiger, Digne; Florenzi (dal 46’ s.t. Tumminello), Vainqueur, I. Falque; Salah (dal 25’ s.t. Di Livio), Sadiq (dal 35’ s.t. Gyomber), Gervinho. (Lobont, De Sanctis, Castan, De Rossi, Torosidis, Emerson, D’Urso, Machin, Tumminello). All. Garcia

ARBITRO Irrati di Pistoia

MARCATORI Sadiq (R) al 7’ p.t., Florenzi (R) al 37’ p.t., Paloschi (C) al 44’ p.t., Dainelli (C) al 13’ s.t., Iago Falque (R) al 26’ s.t., Pepe (C) al 40’ s.t.

NOTE Ammoniti: Castro, Hetemaj, Cacciatore, Digne e Di Livio.  

[06-01-2016]

 
Lascia il tuo commento