Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

La Roma batte il Genoa, ma ancora non c'

2-0 ai grifoni, con gol di Florenzi e Sadiq. Partita molto brutta.

La Roma ritrova la vittoria, ma tutto il resto ancora non c'è. Contro un Genoa decimato e a sua volta in crisi, i giallorossi si impongono in una partita di bassissimo livello tecnico e agonistico, ma in compenso dominata dai nervi. In ogni caso, si tratta di una boccata d'ossigeno per il tecnico francese (che rimane però in bilico), abbracciato dai giocatori dopo il primo gol fra i fischi dell'Olimpico.

PRIMO TEMPO – Garcia recupera l'attacco titolare, con Salah e Gervinho a supporto di Dzeko. La gara inizia con una Roma perfettamente identica a quella delle ultime uscite: lenta, sfilacciata, involuta, poco grintosa e priva di idee. E infatti, è il Genoa a creare un paio di potenziali occasioni da gol. La più nitida vede Capel penetrare sulla sinistra e crossare basso, con i due compagni a centroarea che sbagliano però il movimento. I giallorossi, invece, collezionano ammonizioni pesanti: Nainggolan e Pjanic, diffidati. Al 43', come un fulmine a ciel sereno, il vantaggio romanista: Munoz sbaglia un intervento difensivo e Florenzi trafigge Perin da distanza ravvicinata. Abbraccio collettivo a Garcia, con l'Olimpico che però non gradisce.

SECONDO TEMPO – La Roma sembra leggermente sbloccata dal gol del vantaggio, e costruisce subito due buone occasioni. Prima c'è l'accelerazione di Salah sulla destra e un cross su cui Gervinho non arriva. Poi proprio Gervinho ha sulla testa un bel cross di Florenzi, ma sbaglia. Dall'altra parte, gran parata di Szczesny su conclusione dal limite del neoentrato Lazovic. Al 25', Dzeko ha un'occasione enorme, ma dopo aver catturato la respinta di Perin conclude a porta vuota su Munoz. Quattro minuti dopo, il bosniaco perde la testa, e su presunto contatto in area manda a quel paese Gervasoni, che lo espelle. Nonostante la superiorità numerica, il Genoa non ne ha. Anzi, nel finale c'è la notizia più bella della giornata: Sadiq, entrato per Salah, beffa la difesa rossoblu su cross di Vainqueur e realizza di testa il suo primo gol in Serie A.

Non basta certo la rete di questa giovane speranza, né bastano i tre punti per entusiasmarsi. C'è il ritorno alla vittoria, che serve come il pane per mantenersi in scia al gruppetto di testa, ma al di là di quello è tutt'altro che fugata la sensazione di una squadra che si è smarrita un anno e mezzo fa e che non si è più ritrovata. Chiosa: inquietante la lamentela sulla mancanza di benzina nelle gambe, dopo il cambio di preparatore atletico avvenuto in estate.

 

Simone Luciani

 

Roma-Genoa 2-0

 

Roma: Szczesny; Florenzi, Manolas, Rüdiger, Digne; Pjanic (65′ Iago Falque,), De Rossi, Nainggolan (88′ Vainqueur); Salah (82′ Sadiq), Dzeko, Gervinho. A disp.: De Sanctis, Lobont, Gyomber, Maicon, Castan, Emerson Palmieri, Keita, Uçan, Iturbe. All.: Garcia.

Genoa: Perin; Izzo, Munoz, De Maio, Ansaldi (57′ Pandev); Capel (45′ Lazovic), Rincon, Tachtisidis (64′ Cissokho), Ntcham, Laxalt; Gakpé. A disp.: Lamanna, Ujkani, Figueiras, Dzemaili, Scannapieco. All.: Gasperini.

Arbitro: Gervasoni

NOTE Ammoniti 10′ Laxalt (G), 22′ Nainngolan (R), 29′ Florenzi (R), 35′ Pjanic (R) Espulso 75′ Dzeko. Spettatori 28 mila.

[20-12-2015]

 
Lascia il tuo commento