Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Champions, la Roma passa fra i fischi

Deludente 0-0 con il Bate Borisov all'Olimpico, ma i giallorossi sono agli ottavi. Il pubblico contesta e la dirigenza "spara" sui tifosi.

La Roma va avanti, ma a esultare sono davvero in pochi. I giallorossi si sono resi protagonisti dell'ennesima brutta prestazione contro il modesto Bate Borisov, e devono ringraziare il portiere Szczesny, che ha salvato la propria porta e garantito lo 0-0, e quello del Barcellona che ha bloccato l'assedio del Bayer Leverkusen, costringendo i tedeschi al pareggio e alla discesa in Europa League, se approdano agli ottavi di finale di Champions. A completare la brutta serata, le dichiarazioni “congiunte” di Pallotta, Garcia e Baldissoni a fine partita, che hanno criticato aspramente l'atteggiamento dei tifosi, colpevoli di aver coperto di fischi la squadra.

PRIMO TEMPO – Garcia perde Gervinho nella fase di riscaldamento (ematoma per l'ivoriano), e riserva al rientrante Salah la sola panchina, mandando in campo dunque Iturbe insieme a Iago Falque e Dzeko. La prima mezz'ora è a dir poco da dimenticare: la Roma è lenta e impaurita, e presta spesso il fianco (soprattutto il sinistro) alle ripartenze dei bielorussi. La prima vera emozione arriva al 28', con una punizione di Pjanic dai 25 metri sulla quale si oppone Chernik. Al 34' Dzeko riesce a servire Pjanic con una sponda di testa, ma da buona posizione il centrocampista non riesce a trovare la coordinazione, anche perché sbilanciato con un intervento al limite del regolamento. La prima frazione di gioco è tutta qui.

SECONDO TEMPO – Lo 0-0 da un lato costringe la Roma a sperare che in Germania il Barcellona tenga il pareggio contro il Leverkusen, e dall'altro scontenta il Bate Borisov, che si ritrova quarto. Questo porta le squadre ad aprirsi e, con il passare dei minuti, a spezzarsi in due. Meglio i giallorossi nella prima parte, che finalmente li vede pericolosi. Al 2' Pjanic lancia Dzeko davanti a Chernik, ma il portiere devia il pallone di piede. Al 6' è il centravanti a lavorare un ottimo pallone e a favorire l'inserimento nello stretto di Florenzi, ma il centrocampista trova ancora il portiere bielorusso. Al quarto d'ora Garcia inserisce finalmente Salah per uno spento Iturbe, e il peso offensivo aumenta. Al 23' enorme occasione per gli ospiti, con Volodko che buca sulla sua sinistra e mette nell'area piccola per Gordeychuk, cui risponde uno strepitoso Szczesny. Intorno alla mezz'ora, nuovo mini-forcing della Roma, che va ancora vicina al gol, prima con Pjanic, che può concludere a porta vuota un'azione confusa, con intervento sulla linea di Milunovic, e poi con Dzeko, che impegna Chernik in diagonale. Al 33' ancora gli ospiti, con Stasevich che cerca di ribadire in rete una respinta di Szczesny ma centra un proprio compagno di squadra a terra. Con l'andare dei minuti, l'attenzione si sposta su ciò che sta accadendo in Germania, e da segnalare rimane una conclusione di Nainggolan di poco a lato in extremis. Al termine, fischi assordanti nonostante il passaggio del turno.

In una partita caricata di enormi significati, si è vista di nuovo una squadra in enorme difficoltà, mentale prima ancora che tattica. Di buono (e importantissimo) c'è la qualificazione agli ottavi di finale di Champions, che mancava ormai da cinque anni. Dietro questo, però, c'è ben poco, e di certo le dichiarazioni di proprietà e dirigenza sono parse davvero fuori luogo. Il cammino verso la guarigione sembra lunghissimo, e di tempo ce n'è però poco.

 

Simone Luciani

 

Roma-Bate Borisov 0-0

 

ROMA Szczesny; Florenzi, Manolas, Ruediger, Digne; Nainggolan, De Rossi, Pjanic; Iago (dal 38' s.t. Uçan), Dzeko, Iturbe (dal 14' s.t. Salah) (De Sanctis, Castan, Maicon, Keita, Vainqueur). All. Garcia.

BATE BORISOV Chernik; Zhavnerchik, Polyakov (dall'11' s.t. Dubra), Milunovic, Mladenovic; Yablonski, Nikolic (dal 33' s.t. Karnitski); Stasevich, Hleb, Gordeichuk; Mozolevski (dal 15' s.t. M. Volodko) (Soroko, Aleksievich; Jevtic, Olekhnovich). All. Yermakovich.

ARBITRO Atkinson (Eng)

NOTE spettatori 30 mila.  

[10-12-2015]

 
Lascia il tuo commento