Giornale di informazione di Roma - Domenica 04 dicembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Sotto il diluvio la Roma pareggia a Bologna

2-2 al Dall'Ara, su un campo ai limiti della praticabilitÓ: due rigori di Pjanic e Dzeko rispondono al vantaggio di Masina, poi nel finale gol su penalty di Destro.

Come da sfavorevole tradizione, la pioggia annacqua la Roma. La squadra di Rudi Garcia non va infatti oltre il pari al Dall'Ara di Bologna, su un campo pesantissimo, lasciandosi sfuggire i tre punti nel finale dopo aver sofferto, essere stata in svantaggio e aver faticosamente ribaltato il risultato. Molto negativo il primo tempo, mentre nel secondo c'è stata una reazione.

PRIMO TEMPO – Lunghissima la lista degli assenti per l'allenatore francese, che schiera Maicon a destra in difesa e Florenzi e Iturbe ai fianchi di Dzeko, con Iago a riposare in vista del Barcellona. A centrocampo, Keita viene preferito a Vainqueur per sostituire De Rossi. E' evidente fin dai primi minuti la difficoltà dei giallorossi ad adattarsi alla pioggia: inutili (e improbabili) sono i tentativi di cercare il fraseggio e il gioco sulle fasce, mentre dall'altra parte il Bologna imposta la gara sulle verticalizzazioni che spesso colgono impreparata la retroguardia romanista. Al 10' sponda di Destro per Giaccherini, che mette nell'area piccola per Mounier, che segna. L'arbitro Rocchi, tuttavia, annulla per una posizione di fuorigioco. Molto difficile dare un giudizio, anche se la rete sembra buona. L'appuntamento col vantaggio rossoblu è però rimandato di 4', quando su azione di corner la palla diventa un flipper, i giocatori della Roma non allontanano e la sfera finisce a Masina, che batte Szczesny da distanza ravvicinata. I giallorossi accusano il colpo, e rischiano di sprofondare al 16', quando Destro affonda sulla destra e scarica per Diawara, che conclude fuori da ottima posizione. Il primo tempo scorre con le enormi difficoltà della Roma a prendere le misure. Al 30' fallo di mano di Diawara nella sua area, ma Rocchi non vede. Al 38' finalmente un cenno di reazione egli ospiti: Florenzi parte in velocità e Mirante interviene con la mano fuori dall'area: ammonizione e punizione battuta da Pjanic ai 30 metri, col portiere bolognese che compie un grande intervento.

SECONDO TEMPO – La ripresa non sembra diversa dal primo tempo, e il Bologna nei primi minuti colleziona due contropiede importanti: prima Destro conclude centralmente su Szczesny, e poi il polacco esce bene su Brighi. Poi, al 7', l'episodio che cambia il match: cross di Florenzi e netto mani in area di Mounier, con Rocchi che stavolta concede il rigore. Trasforma Pjanic. Garcia toglie Maicon e Keita per Torosidis e Vainqueur, e la Roma cambia volto. Al 20' Dzeko si presenta a tu per tu con Mirante, che para, e poi Pjanic calcia alto. Un minuto dopo Florenzi parte in contropiede ma conclude centralmente, con Mirante che blocca. Al 25', Iturbe raccoglie una sponda di Dzeko e, entrato in area, viene atterrato da Rossettini. E' ancora rigore (con proteste dei rossoblu per un braccio largo di Dzeko su Maietta). Stavolta dal dischetto va Dzeko, che raddoppia. Paura proprio per Maietta, qualche minuto dopo, per un mancamento, per fortuna non grave. Negli ultimi minuti la Roma arretra troppo la linea, e ricomincia a soffrire. A 5' dalla fine, dopo diverse occasioni potenziali, Giaccherini punta Torosidis, che, fuori tempo, lo stende in area. Ancora un rigore concesso da Rocchi, che Destro trasforma, con un'esultanza forse eccessiva. Interessante l'impatto sulla gara di Umar Sadiq, entrato negli ultimi minuti per Iturbe, ma il risultato non cambia.

C'è, su questo pareggio, la grande attenuante del campo, che ha stravolto i valori in campo. Tuttavia, lascia perplessi la poca flessibilità tattica di Garcia, che ha sbagliato nel primo tempo a insistere sul possesso di palla, impossibile su questo terreno. Inutile anche l'impiego, in simili circostanze, di Iturbe, che pure ha propiziato il secondo rigore. Un risultato che complessivamente può essere accettato, purché non si perdano troppi punti per strada.

 

Simone Luciani

 

Bologna-Roma 2-2

 

BOLOGNA Mirante; Rossettini, Gastaldello, Maietta (Mancosu 34' st), Masina; Donsah (Taider dal 25' st), Diawara, Brighi; Mounier (Rizzo 31' st), Destro, Giaccherini. (Da Costa, Stojanovic, Ferrari, Morleo, Mbaye, Oikonomou, Crisetig, Brienza, Falco). All. Donadoni.

ROMA Szczesny; Maicon (Torosidis dal 18' st), Manolas, Rudiger, Digne; Pjanic, Keita (Vainqueur dal 18' st), Nainggolan; Florenzi, Dzeko, Iturbe (Sadiq al 43' st). (Lobont, De Sanctis, Castan, Gyomber, Palmieri, Uçan, D'Urso, Ponce, Iago Falque). All. Garcia.

MARCATORI Masina (B) al 15' pt; Pjanic (R) su rigore al 7' st, Dzeko (R) su rigore al 27' st, Destro (B) su rigore al 42' st

ARBITRO Rocchi di Firenze.

NOTE spettatori 23 mila. Ammoniti Manolas, Gastaldello, Nainggolan, Mirante, Mounier , Donsah, Maietta, Iturbe, Torosidis.

[22-11-2015]

 
Lascia il tuo commento