Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma autolesionista: a Marassi spreca e perde

La Samp vince 2-1, con gol di Eder e autorete di Manolas. Di Salah il temporaneo pareggio giallorosso.

Sconfitta pesante per la Roma nella Genova blucerchiata. I giallorossi scivolano a Marassi dopo tante occasioni sprecate e due gol regalati alla Sampdoria. Un risultato assolutamente bugiardo, per quello che si è visto, ma che ha anche evidenziato tanti limiti della formazione di Rudi Garcia, impacciata in difesa e molto legata, nella costruzione del gioco, alle giocate dei singoli.

PRIMO TEMPO – Dopo le critiche per la formazione schierata contro il Sassuolo, il tecnico francese sceglie, per 10/11 (unica eccezione De Sanctis), la squadra che ha battuto la Juventus. La gara inizia con la Roma in buona pressione, ma è blucerchiata la prima conclusione: Correa calcia dai 16 metri, ma De Sanctis blocca. Decisamente più pericolosi i giallorossi, che su azione di corner vanno al tiro con Nainggolan da posizione ideale, ma il pallone sfiora il palo. Gli uomini di Zenga riescono comunque a spezzare il ritmo di gioco della Roma, e a provare le ripartenze con Muriel ed Eder. Al 24' Pjanic ci prova di destro dalla distanza, ma è bravo Viviano a deviare. Un minuto dopo Dzeko conclude di sinistro da posizione defilata dopo una progressione, ma ancora il portiere blucerchiato è attento. Alla mezz'ora, Zenga deve rinunciare a Silvestre per infortunio e inserisce Moisander. Nel finale di tempo, nuove fiammate romaniste. Prima Dzeko prolunga di testa una punizione di Florenzi, ma De Rossi, in fuorigioco, non arriva. Poi, ancora il bosniaco conclude, sbilanciato, dal limite, ma sfiora il palo.

SECONDO TEMPO – Come spesso accade, la Roma sembra rientrare in gara piuttosto molle. E dopo cinque minuti viene punita: Eder trasforma infatti un calcio di punizione dai 25 metri su cui la barriera è posizionata malissimo. La reazione dei giallorossi c'è, ed è di notevole intensità (quella che andrebbe mostrata con più continuità). Al 12' Pjanic ci prova su punizione, il tiro viene deviato e Viviano compie un autentico miracolo. Al 15' Garcia rispolvera Gervinho al posto di Iago Falque. La pressione della Roma si intensifica, con la linea difensiva della Samp ormai schiacciata nella propria area. Dzeko ci prova ancora, da posizione defilata, e Viviano risponde. Il pari, che è nell'aria, arriva al 24', quando, dopo un'azione insistita, Pjanic appoggia per Salah, che da centroarea scarica in porta. Raggiunto il pari, la spinta giallorossa comunque non si ferma. E l'inerzia sembrerebbe tutta per gli uomini di Garcia, se a 5' dal termine non andasse in scena un episodio surreale: ripartenza Samp (una delle poche occasioni blucerchiate), affondo di Eder, cross nell'area piccola e pasticcio di Manolas, che in scivolata mette nella propria porta. Doccia gelata che rende inutile quel che resta della gara, con gli inserimenti poco lucidi di Garcia di Ucan e Iturbe.

E' una gara molto complicata da giudicare. Da un lato c'è l'evidenza di un risultato ingiusto per la Roma, che riesce a prendere due gol con due tiri in porta, a produrre un enorme possesso di palla e tante occasioni sprecate. Dall'altro rimane, e anzi viene accentuata, la sensazione di tanta fragilità (difensiva, caratteriale e di organizzazione di gioco). Sconcertante il dato, più volte ricordato nel post gara, dell'enorme mole di calci d'angolo da cui è scaturito un solo tiro. Statistiche, comunque: a restare è un momento che desta molta preoccupazione.

 

Simone Luciani

 

Sampdoria-Roma 2-1

SAMPDORIA Viviano; Pereira, Silvestre (dal 29’ s.t. Mosainder), Zukanovic, Mesbah; Barreto, Fernando, Soriano; Correa (dal 15’ s.t. Ivan); Muriel (dal 33’ s.t. Cassano), Eder. (Brignoli, Regini, Carbonero, Christodoulopoulos, Rodriguez, Palombo, Krsticic, Bonazzoli, Rocca). All. Zenga.

ROMA De Sanctis; Florenzi, Manolas, De Rossi, Digne; Pjanic, S.Keita, Nainggolan (dal 42’ s.t. Ucan); Salah (dal 42’ s.t. Iturbe), Dzeko, I. Falque (dal 15’ s.t. Gervinho). (Lobont; Pop, Castan, Gyomber, Maicon, Emerson, Torosidis, Vainqueur, Ponce). All. Garcia.

ARBITRO Banti di Livorno

MARCATORI Eder (S) al 5’, Salah (R) al 24’, Manolas (R) al 40’ s.t.

NOTE ammoniti Fernando, Correa, Barreto, Mesbah, Eder, Zukanovic (S), De Rossi, Digne, Pjanic (R). Spettatori 21 mila.

 

[24-09-2015]

 
Lascia il tuo commento