Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma formato Europa: fermato il Barcellona

All'Olimpico finisce 1-1 il primo turno di Champions: a Suarez risponde un gol straordinario di Florenzi.

Punto d'oro per la Roma all'esordio in Champions League. I giallorossi fermano sull'1-1 i campioni d'Europa del Barcellona, placano le furie blaugrana e rimediano al vantaggio catalano irregolare con un'autentica prodezza di Alessandro Florenzi, che realizza un gol destinato a diventare il manifesto di questo turno di Champions e non solo. Rudi Garcia ha impostato la gara molto bene sul piano tattico.

PRIMO TEMPO – Il tecnico francese sceglie, considerati gli indisponibili, la squadra più logica: Rudiger fa coppia con Manolas in difesa, con la retroguardia protetta da De Rossi, mentre in attacco c'è il tridente che possiamo considerare ormai titolare, con Iago Falque, Dzeko e Salah. Da segnalare gli applausi a Luis Enrique da parte del pubblico giallorosso. Fin dall'inizio va in scena il possesso di palla blaugrana, che occupa costantemente la trequarti romanista, che però è ben presidiata. Nei primi minuti, subito un sinistro dai 20 metri di Messi alto di pochissimo. La Roma risponde con palloni alti a cercare Dzeko (partita di sacrificio, la sua, ma anche di grande sostanza) e a favorire le ripartenze di Salah. Al 21' il fortino giallorosso crolla, ma non del tutto per sue colpe: affondo di Rakitic sulla destra e cross dal fondo per Suarez, che mette in rete di testa a porta vuota. Nell'azione, però, c'è sia un fallo su Digne che una millimetrica posizione di fuorigioco dello stesso Suarez. L'Olimpico teme il colpo, e trema quando Szczesny esce ancora su Suarez e l'attaccante va a terra: il rigore poteva starci. Al 29' la magia che illumina la serata giallorossa: Florenzi recupera palla in difesa, avanza sulla destra e, poco oltre la metà campo, vede Ter Stegen fuori dai pali e sfodera uno splendido pallonetto che si infila sotto il sette. E' il delirio sugli spalti e in panchina, e l'episodio che spinge la Roma a osare nel finale di primo tempo. Al 43' azione insistita molto pericolosa che culmina con il destro dai 20 metri di Nainggolan, su cui stavolta il portiere del Barcellona è bravissimo. Un minuto dopo fuga di Salah, che arrivato dentro l'area calcia però sul fondo.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa è subito pericoloso il Barcellona, che porta al tiro Messi dopo un tradizionale scambio rapido, ma Szczesny è bravissimo. Al 3' però il portiere polacco deve lasciare il campo per una carica decisamente antisportiva, a palla ormai ferma, di Suarez: per l'estremo difensore lussazione all'anulare sinistro. Fa dunque il suo esordio Morgan De Sanctis. Il Barcellona prosegue la pressione infernale sulla trequarti. Al 17' fallaccio di Nainggolan su Rafinha che, appena entrato per Rakitic, deve lasciare il posto a Mascherano. Alla metà della ripresa la Roma riesce a mettere la testa fuori e a provare a colpire, ancora con Florenzi: l'esterno colpisce di sinistro dal limite dell'area ma manda fuori. Nainggolan chiede un rigore per un abbraccio prolungato di Piqué. Il finale, però, è blaugrana. Al 32' magia di Messi che si libera in area e calcia di sinistro, colpendo la parte alta della traversa. Al 35' scambio fra Neymar e Iniesta, con quest'ultimo che penetra a tu per tu con De Sanctis, che però copre benissimo lo specchio. Garcia inserisce nel finale Iturbe per Iago Falque e Torosidis per uno stremato Florenzi. All'ultimo dei cinque minuti di recupero ancora un brivido, con Manolas che sulla linea salva su Suarez.

Prova tatticamente e mentalmente importante da parte della Roma, che ha concesso relativamente poco al Barcellona (o comunque, poco rispetto a ciò che poteva essere). Molto buona la prova dei due centrali difensivi, ottimo lavoro di Dzeko nella protezione del pallone e di Salah nelle ripartenze. E poi, la perla di Alessandro Florenzi: un giocatore che si sta trasformando, di mese in mese, in un vero top player. In ottica Champions, un pareggio che vale più di un punto.

 

Simone Luciani

 

Roma-Barcellona 1-1

 

ROMA 25 Sczesny (48′ De Sanctis), 24 Florenzi (84′ Torosidis), 44 Manolas, 2 Rudiger, 3 Digne, 16 De Rossi, 4 Nainggolan, 20 Keita, 14 Iago Falque (82′ Iturbe), 9 Dzeko, 11 Salah. A disp.: 26 De Sanctis, 13 Maicon, 35 Torosidis, 48 Ucan, 21 Vainqueur, 7 Iturbe, 5 Castan, 27 Gervinho, 10 Totti. All. Garcia

BARCELLONA 1 Ter Stegen, 20 Sergi Roberto, 3 Piqué, 24 Mathieu, 18 Jordi Alba; 8 Iniesta (C), 5 Busquets, 4 Rakitic (61′ Rafinha (64′ Mascherano)); 10 Messi, 9 Suarez, 11 Neymar. A disp. 25 Masip, 15 Bartra, 14 Mascherano, 21 Adriano, 12 Rafinha, 17 Munir, 19 Sandro. All. Luis Enrique

Arbitro: Kuipers (NL)

Marcatori: 21′ p.t. Suarez (Barcellona), 30′ p.t. Florenzi (Roma)

Ammoniti: 62′ s.t. Nainggolan (Roma), 74′ s.t. Piqué (Barcellona)

[17-09-2015]

 
Lascia il tuo commento