Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

La Roma va, ma che fatica

Rimonta sull'Udinese e vittoria per 2-1: a Perica rispondono Nainggolan e Torosidis.

Una sofferenza enorme, ma alla fine è arrivata una vittoria fondamentale. La Roma riesce a rimontare l’Udinese e a tenere il secondo posto in vista del derby. E’ stata una partita che, ancora una volta, ha destato enormi perplessità, soprattutto a livello di tenuta difensiva e di gioco, ma a due partite dal termine del campionato va preso il massimo che questa squadra può offrire, anche se poco.

PRIMO TEMPO – Rudi Garcia rivoluziona il tridente d’attacco, con Francesco Totti che torna titolare insieme a Iturbe e Ibarbo. Torosidis prende il posto di Florenzi a destra, con Holebas a sinistra, e Yanga-Mbiwa vince il ballottaggio con Astori. Atmosfera non facile allo stadio, con il pubblico assai freddo verso i giallorossi. L’Udinese non ha nulla da chiedere al campionato, ma nonostante questo la Roma fatica a trovare spazi, e anzi subisce i frequenti contropiede dei friulani. All’8’ la prima occasione romanista, con un buono spunto di Iturbe sulla sinistra e cross per Ibarbo sul primo palo, che però non riesce a centrare la porta. Al 19’, clamoroso regalo di Manolas, che prima sbaglia la copertura e poi il disimpegno su Thereau, che ruba palla, si presenta a tu per tu con De Sanctis da sinistra, il portiere respinge ma il giovane Perica mette in rete sulla ribattuta. L’atmosfera allo stadio da complicata diventa pesante. La Roma prova a reagire con buona volontà ma anche poche idee e, soprattutto, palesi carenze nell’ultimo passaggio. Al 27’ invenzione di Totti per Ibarbo che scarica per Nainggolan ai 16 metri, ma la conclusione del belga è respinta da Heurtaux. Al 32’ giocata di Yanga-Mbiwa sulla sinistra,che salta due uomini e conclude non inquadrando la porta. Al 34’ clamorosa occasione per l’Udinese: cross di Widmer e colpo di testa da distanza ravvicinata di Perica che mette fuori. Al 38’ Ibarbo ha la palla buona nell’area piccola su cross di Holebas, ma incredibilmente non inquadra la porta. Al 44’ nuova occasione per l’Udinese, che in contropiede due contro uno se la gioca però malissimo. Sul rovesciamento di fronte, ecco il pari della Roma: ottima azione in velocità e cross di Totti in area per l’inserimento di Nainggolan, che fulmina Karnezis. Un gol fondamentale prima dell’intervallo.

SECONDO TEMPO – La ripresa parte con la Roma in attacco, ma più lenta e stanca, e quindi esposta ai contropiede dell’Udinese. Dopo 1’ Badu punta l’area e viene fermato in extremis da De Rossi, che rimane ferito alla fronte e prosegue la partita col classico “turbante”. Al 18’ è Yanga-Mbiwa il protagonista di un grande intervento su Allan. Al 20’ la Roma trova, con parecchia fortuna, il gol del vantaggio: su cross di Nainggolan, Widmer sbaglia clamorosamente il rinvio e, in pratica, serve Torosidis, che mette in rete da due passi. Garcia si copre con Keita al posto di Francesco Totti. Al 36’ Nainggolan devia di tacco un cross di Iturbe nell’area piccola, ma trova un gran riflesso di Karnezis che manda sul palo. Subito dopo, Doumbia prende il posto di Iturbe. Al 40’ Holebas, su assist di Pjanic, si presenta a tu per tu con Karnezis, ma il suo sinistro si stampa sulla traversa. Ultimi minuti per Ljajic al posto di Pjanic, fischiato da una parte dello stadio all’uscita. Finale di tensione, ma senza grossi pericoli.

Dunque, contro un’Udinese con pochi obiettivi la Roma non ritrova il gioco – ma questo era scontato – ma trova tre punti importantissimi, che le consentiranno di affrontare il derby con un punto di vantaggio sulla Lazio. Non sarà poco, anche se appare evidente che i biancocelesti esprimono ben altro volume di gioco. Naturalmente, la storia ci dice che non si tratta di una partita come le altre, e avere due risultati su tre è un vantaggio.

Simone Luciani

Roma-Udinese 2-1

ROMA De Sanctis; Torosidis, Manolas, Yanga-Mbiwa, Holebas; Pjanic (dal 42' s.t. Ljajic), De Rossi, Nainggolan; Iturbe (dal 37' s.t. Doumbia), Totti (dal 30' s.t. Keita), Ibarbo. (Skorupski, Cole, Balzaretti, Astori, Spolli, Ucan, Paredes, Verde, Sanabria). All. Garcia.
UDINESE Karnezis; Widmer, Heurtaux, Danilo, Piris; Allan, Pinzi (dal 28' s.t. B. Fernandes), Badu; Guilherme (dal 37' s.t. Geijo); Perica (dal 21' st Kone), Thereau. (Scuf­fet, Meret, Bub­n­jic, Domizzi, Neu­ton, Gui­lher­me, Ga­briel Silva, Pa­squa­le, Aguir­re). All. Stramaccioni.
ARBITRO Banti di Livorno.
MARCATORI Perica (U) al 19', Nainggolan (R) al 45' p.t.; Torosidis (R) al 20' s.t.
NOTE spettatori paganti 8.066, abbonati 27.654, incasso di 396.916 euro, quota 603.989 euro. Ammoniti Piris, Heurthaux e Ljajic per gioco scorretto, Nainggolan per proteste.

[17-05-2015]

 
Lascia il tuo commento