Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Pioggia sulla Roma: i giallorossi crollano all'Olimpico con la Samp

I blucerchiati si impongono per 2-0 con reti di De Silvestri e Muriel. Dopo un buon primo tempo, squadra completamente allo sbando.

Doveva essere la partita del rilancio. E’ stata invece quella dello psicodramma. La Roma è crollata sotto la pioggia e sotto i colpi di una Sampdoria sorniona e fortunata. Come cinque anni fa, in uno dei ricordi più dannati dei tifosi giallorossi. Ma quella era una Roma che lottava per lo scudetto, e che lo accarezzò soltanto proprio per colpa di quella partita. Questa, invece, era una squadra partita come una delle più serie candidate allo scudetto, e invece ora si ritrova a dover lottare (solo grazie a una rendita conquistata nei primi mesi) per un posto in Champions League. Per una corsa che appare quanto mai in salita.

PRIMO TEMPO – Garcia deve fare i conti con infortunati e squalificati. In difesa c’è Torosidis a destra, perché Florenzi deve andare a coprire la falla aperta a centrocampo accanto a Pjanic e Keita. In attacco recuperato in extremis Totti, insieme a Gervinho e Iturbe. La Roma parte piuttosto impacciata, pur con una Sampdoria timida, e che palesemente punta tutto sul contropiede. La prima occasione, infatti, arriva al 19’, con Torosidis che colpisce di testa da distanza ravvicinata ma non riesce ad angolare il pallone. E’ la scintilla che pare sbloccare i giallorossi. Al 32’ cross al centro di Totti che viene sfiorato da Viviano, e Gervinho non arriva sul pallone. Poi ancora il capitano conclude con un sinistro violento da buona posizione, ma trova l'opposizione di Viviano. Al 41’ pasticcio della difesa blucerchiata che sta per innescare Gervinho, troppo timido sull’uscita di Viviano. Ancora l’ivoriano semina il panico al 45’, quando affonda sulla destra e mette nell’area piccola per Pjanic, che non arriva per un soffio. Due minuti più tardi, l’occasione più nitida: Totti verticalizza per Gervinho, che parte a tu per tu con Viviano trovando il miracolo del portiere blucerchiato.

SECONDO TEMPO – Se la prima parte di gara sembrava promettente, la Roma svanisce invece nella ripresa, e precisamente al 2’, quando Totti interviene da distanza ravvicinata su cross di Florenzi, non trovando la porta. A quel punto, i giallorossi perdono intensità, rapidità e manovra, e la Samp, fin qui inesistente, trova il gol al primo tiro in porta. Al 16’, Eto’o mette palla al centro e, dopo un flipper in piena area, De Silvestri mette in rete. Garcia prova il tutto per tutto, con Verde, Doumbia e Ljajic per Totti, Iturbe e Torosidis, con un 4-2-3-1 che prevede Keita e Pjanic a protezione della difesa. La squadra si sbilancia senza alcun frutto, e al 33’ Muriel, entrato per Okaka, fa praticamente ciò che vuole nella trequarti giallorossa: si presenta a tu per tu con De Sanctis, colpisce il palo, raccoglie un rimpallo e mette in rete. Pioggia di fischi e insulti dagli spalti, abbastanza prevedibile e inevitabile. Le occasioni costruite nel finale sono buone solo per le statistiche: Viviano prima salva su Torosidis e poi, miracolosamente, su Pjanic, poi Palombo respinge sulla linea un colpo di testa di Astori. Keita, invece, perde la testa e si becca una doppia ammonizione per proteste.

Le statistiche, che parlerebbero di un dominio della Roma sul piano delle conclusioni e della pericolosità, non rendono affatto ciò che si è visto in campo. E cioè, una squadra che ha perso completamente la bussola assieme al suo tecnico, che se non è affondata sotto una goleada è per precisa scelta tattica della Samp e di Mihajlovic, ma che davvero è nel pieno di un baratro di cui non si intravede il fondo.

Simone Luciani

Roma-Sampdoria 0-2

ROMA: De Sanctis; Torosidis (72′ Ljajic), Yanga- Mbiwa, Astori, Holebas; Florenzi, Keita, Pjanic; Iturbe (68′ Doumbia), Totti (62′ Verde), Gervinho. A disp.: Lobont, Skorupski, Calabresi, Spolli, Cole, Paredes, Pellegrini, Uçan, Sanabria. All.: Garcia.

SAMPDORIA: Viviano; De Silvestri, Silvestre, Romagnoli, Regini; Obiang (62′ Duncan), Palombo, Soriano; Eto’o; Eder (93′ Wszolek), Okaka (74′ Muriel). A disp.: Romero, Frison, Correa, Djordjevic, Coda, Marchionni, Bergessio. All.: Mihajlovic.

ARBITRO: Calvarese

ASSISTENTI: Passeri -Paganessi

IV UOMO: Posado

ADD 1: Di Bello

ADD2: Pairetto

Marcatori: 61′ De Silvestri, 78′ Muriel

NOTE Ammoniti 24′ Obiang, 39′ Silvestre, 51′ Palompo, 81′ Keita, 86′ Pjanic Espulsi 81′ Keita (doppia ammonizione per proteste) Spettatori: 32.250

[16-03-2015]

 
Lascia il tuo commento