Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Chievo-Roma, "un pareggio inquietante"

0-0 al Bentegodi. Garcia duro con i suoi a fine partita.

Nemmeno lo scatto d’orgoglio nel finale della sfida con la Juventus ha svegliato la Roma dal torpore. A Verona contro il Chievo, infatti, è andata in scena una delle gare più grigie dei giallorossi, senza sussulti, cambi di ritmo, spunti individuali e, in fin dei conti, senza occasioni da gol. Una partita da dimenticare, che ha fatto registrare, per la prima volta, una dura presa di posizione di Rudi Garcia, che al termine dei 90’ ha dichiarato di non riconoscere più la propria squadra.

PRIMO TEMPO – Garcia lascia in panchina Pjanic e De Rossi e rispolvera Nainggolan dal primo minuto e Paredes. A sinistra c’è Cole, mentre in attacco giocano Totti, Iturbe e Gervinho. Il pericolo più concreto creato dai giallorossi in tutta la partita arriva al 5’, quando Iturbe conclude al volo su cross di Gervinho, spedendo alto. All’8’ risposta del Chievo, con Pellissier che si presenta a tu per tu con De Sanctis, prova a dribblarlo ma il portiere è bravissimo a sporcargli il pallone. Al 18’, dramma: contrasto fra Nainggolan e Mattiello, e a quest’ultimo si piega la gamba in maniera impressionante. Frattura di tibia e perone per il giovane, che riceve l’affetto di tutta la serie A. Al 39’, nuovo intervento importante di De Sanctis su Paloschi. Nel finale, invece, è Gervinho a rendersi pericoloso su azione di contropiede, ma il suo diagonale da destra finisce di poco a lato.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa la Roma prova ad avanzare il proprio baricentro, mostrando però, al solito, una manovra lenta e involuta e pochissimo movimento senza palla. Cole prova a liberarsi al tiro da distanza ravvicinata su azione di Gervinho, ma viene anticipato all’ultimo istante. Dall’altra parte, Hetemaj sfiora il palo da ottima posizione. Inutili i cambi di Garcia, che prova a dare una scossa prima con Verde e Ljajic al posto di Paredes e Totti, e nel finale con Pjanic per Iturbe. Unica emozione, un rigore richiesto da Gervinho nel finale, in un contrasto con Schelotto.

Garcia ha parlato, a fine partita, di pareggio inquietante. E ha ragione ma, d’altronde, non è il primo. Quella vista a Verona è una squadra parsa incapace anche del minimo cambio di ritmo. Non un’idea o uno spunto per scardinare l’ordinata difesa gialloblu. Rimaniamo ancora in attesa della famosa scossa.

Simone Luciani

Chievo-Roma 0-0

CHIEVO: Bizzarri; Mattiello (19′ Birsa), Cesar, Dainelli, Zukanovic; Schelotto, Izco, Radovanovic, Hetemaj; Paloschi (65′ Meggiorini), Pellissier (82′ Botta). A disp.: Bardi, Seculin, Sardo, Gamberini, Cofie, Biraghi, Christiansen, Fetfatzidis, Pozzi. All.: Maran.
ROMA: De Sanctis; Florenzi, Manolas, Astori, Cole; Nainggolan, Paredes (60′ Verde), Keita; Iturbe (79′ Pjanic), Totti (60′ Ljajic), Gervinho. A disp.: Skorupski, Lobont, Spolli, Holebas, Pjanic, Sanabria, De Rossi, Ucan, Ljajic, Verde, Doumbia. All.: Garcia.
ARBITRO: Mazzoleni
ASSISTENTI: Barbirati – Marzaloni
ADD 1: Irrati
ADD 2:Pairetto
IV UOMO: Paganessi
NOTE Ammoniti 37′ Dainelli, 39′ Florenzi, 40′ Nainggolan, 52′ Cesar, 88′ Birsa

[08-03-2015]

 
Lascia il tuo commento