Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, buio pesto: addio alla Coppa Italia

I giallorossi affondano all'Olimpico con la Fiorentina: 2-0, con doppietta di Gomez. E' crisi nerissima.

E' crisi è nerissima, e l'uscita non si scorge. La Roma cede alla Fiorentina nei quarti di finale di Coppa Italia per 2-0, ancora una volta senza gioco, senza gambe e senza reazioni. Stavolta non è arrivato il pareggio a salvare la baracca: la serata finisce con la squadra a prendersi i fischi sotto la Curva Sud.
PRIMO TEMPO - Garcia porta in panchina i neoarrivati Spolli e Ibarbo, e accanto a loro c'è Pjanic, cui viene preferito Paredes. In difesa gioca Cole. Nota difforme dalle ultime gare, la Roma pare iniziare con un piglio diverso, e con un possesso di palla più avanzato. All'8' passaggio filtrante di Nainggolan che libera Florenzi a tu per tu con Tatarusanu, ma il tocco di prima termina alto. Al 15' la sorniona Fiorentina rischia di sfruttare uno svarione da parrocchia di Skorupski che svirgola un banale rinvio. Al 17', l'unica azione davvero bella dei giallorossi, con una combinazione Cole-Totti-Ljajic, e il tiro del serbo deviato in corner. Al 29' conclusione dal limite di Nainggolan, che con una deviazione rischia di mettere fuori gioco Tatarusanu.
SECONDO TEMPO - Nella ripresa, i giallorossi calano vistosamente, e, in sostanza, rinunciano al possesso di palla. E, dunque, una Fiorentina pur sottoritmo riesce a conquistare campo e pian piano a trovare spazi. Prima Diamanti sfiora il palo dal limite, poi Gomez di testa mette di poco fuori. Al 19', l'inevitabile: discesa di Pasqual, dimenticato da un Maicon in enorme difficoltà fisica, cross per Gomez e tocco vincente sul primo palo, con dormita dei centrali. Le mosse di Garcia sanno di disperazione: fuori Paredes, Totti e, nel finale, Maicon, e dentro Pjanic, Ibarbo e Verde. Il risultato sfiora lo zero, e al 43' nuovo cross di Pasqual per Gomez, che si gira in piena area e raddoppia. In mezzo, un rigore netto negato a Ibarbo, ma è quasi ridicolo ricordarlo.
Dunque, la Roma esce dal primo torneo stagionale nel peggiore dei modi, e da potenziale leader del calcio italiano si ritrova a due anni fa, fra i patemi già sofferti con Luis Enrique, Zeman e Andreazzoli. Una squara che ha venti minuti nelle gambe e ancor meno a livello mentale. Si fatica a cercare anche solo l'idea di una via d'uscita. 
 
Simone Luciani
 
Roma-Fiorentina 0-2
 
 
ROMA (4-3-3): Skorupski; Maicon (80′ Verde), Manolas, Astori, A. Cole; Nainggolan, S. Keita, Paredes (58′ Pjanic); Florenzi, Totti (73′ Ibarbo), Ljajic. A disposizione: De Sanctis, Lobont, Torosidis, Yanga-Mbiwa, Spolli, Calabresi, Holebas, Pellegrini, Salih Uçan, Vestenicky, Marchegiani. Allenatore: Rudi Garcia
FIORENTINA (3-5-2): Tatarusanu; Tomovic, Savic, Basanta; Joaquin, Borja Valero (79′ Mati Fernandez), Pizarro, Badelj, Pasqual; Diamanti (69′ Ilicic), Mario Gomez (90′ Babacar). A disposizione: Neto, Rosati, Rosi, Richards, Vargas, Lazzari, Kurtic, Gilardino. Allenatore: Vincenzo Montella
Arbitro: Antonio Damato. Collaboratori: Padovan – De Luca. IV uomo: Guida
Marcatori: 19′ e 43' st Gomez.
NOTE Ammonito 35′ Badej, 64′ Borja Valreo
 

[04-02-2015]

 
Lascia il tuo commento