Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, brutto stop con l'Inter

Nell'Olimpico semivuoto 0-0: partita con poche emozioni e Roma stanca.

Una brutta Roma e una brutta partita. Davanti a uno stadio semivuoto, senza curve e Distinti Sud, quella con l'Inter poteva essere l'occasione per mettere pressione alla Juventus, e invece ne è scaturito un pareggio che sa di sconfitta. I giallorossi sono sembrati per larghi tratti la brutta copia, nei singoli e nel collettivo, di quelli visti per quasi tutta la stagione: privi di idee e, soprattutto, di brillantezza fisica, hanno impostato l'intera partita su lanci lunghi senza speranza, con pochissimo movimento e lentezza nella manovra.
PRIMO TEMPO – Con Florenzi e Pjanic convocati ma in condizioni precarie, Garcia sceglie Nainggolan a centrocampo e il tridente Gervinho-Destro-Ljajic. In difesa recuperato Torosidis a destra, mentre a sinistra confermato Romagnoli. La gara parte subito con un'Inter più propositiva e una Roma che prova con le ripartenze, senza la consueta brillantezza. Al 5' sono però i giallorossi ad avere la prima occasione, con un lancio di De Rossi per Gervinho che colpisce al volo in area, ma debolmente. All'8' è Ljajic, in uno dei rari spunti personali, a procurarsi un'occasione sul lato corto dell'area, ma il cross basso è troppo arretrato per Gervinho. Poi è l'Inter, con una manovra intensa anche se spesso improduttiva, a produrre un paio di azioni interessanti: al 15' Icardi riesce a colpire al volo in area da ottima posizione, ma la palla scorre sul fondo. Al 19' colpo di testa di Palacio da ottima posizione, ma la palla termina alta. Al 27' è invece Nagatomo a concludere al volo su giocata di Guarin, ma il pallone si perde sul fondo. Al 32' un sussulto, con gol annullato a Destro, che segna in posizione di fuorigioco su conclusione di Nainggolan. Il primo tempo è poco altro, con una Roma ben poco incoraggiante.
SECONDO TEMPO – La ripresa conferma i segnali tutt'altro che positivi, pur con qualche differenza. Pjanic al posto di Ljajic porta un po' di brio alla manovra, ma non quella spinta decisiva in grado di spezzare la gara. Mazzarri prova a gettare nella mischia Hernanes per Alvarez. Al 21' la Roma getta al vento una grande occasione: Torosidis mette nell'area piccola da destra, Destro fa velo e Gervinho viene anticipato di un soffio da due passi da Rolando. Al 29' altro rimpianto: Nainggolan apre splendidamente per Pjanic, che a tu per tu con Handanovic dai 16 metri trova una grande risposta del portiere. Nel finale, Garcia prova a cambiare (ma in modo non convincente), con Bastos per Destro e, nel recupero, Florenzi per Gervinho. Applausi invece per Zanetti da parte del pur sguarnito Olimpico, ed è tutto qui ciò che c'è da segnalare, a parte una Roma molto appannata e stanca e un'Inter che non riesce ad affondare il colpo.
Non c'è dubbio che le molte assenze e i tanti acciaccati hanno influenzato, come a Bologna, una prestazione al di sotto della sufficienza. Così come non si può evitare il tema di una squadra che da alcune partite appare molto stanca e poco brillante, soprattutto in alcuni uomini chiave come Gervinho. Fatto è che stasera sono stati persi due punti preziosissimi, che potrebbero dare alla Juve un vantaggio ormai decisivo. Da segnalare un paio di pugni galeotti: uno di De Rossi a Icardi e uno di Juan Jesus a Romagnoli. Ovvio che i momenti di flessione ci sono, nell'arco di una stagione: speriamo che questo duri poco.

Simone Luciani

Roma-Inter 0-0

ROMA: De Sanctis; Torosidis, Castan, Benatia, Romagnoli; Nainggolan, De Rossi, Strootman; Gervinho (dal 43' s.t. Florenzi), Destro (dal 36' s.t. Bastos), Ljajic (dal10' s.t. Pjanic) (Skorupski, Lobont, Toloi, Taddei, F. Ricci, Mazzitelli, Di Mariano). All. Garcia.
INTER: Handanovic; Rolando, Samuel, Juan Jesus; Jonathan (dal 42' s.t. Zanetti), Guarin, Cambiasso, Alvarez (dal 19' s.t. Hernanes), Nagatomo; Palacio, Icardi (dal 29' s.t. Botta) (Carrizo, Campagnaro, Ranocchia, Andreolli, D’Ambrosio, Kuzmanovic, Taider, Kovacic, Milito). All. Mazzarri.
ARBITRO: Bergonzi di Genova
NOTE: spettatori 37.464 (compresa la quota abbonati di curva e distinti sud e curva nord, tutti settori chiusi), incasso 1.318.567 euro. Ammoniti Samuel per scorrettezze. Angoli: 5-6 . Recuperi: 0' p.t., 4' s.t..

[01-03-2014]

 
Lascia il tuo commento