Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Rabbia Roma: travolta la Samp

All'Olimpico finisce 3-0, con doppietta di Destro e rete di Pjanic. Garcia: risposta alle mancanze di rispetto.

Dopo tre giorni di intense chiacchiere, spesso a sproposito, riecco la Roma. Che vince, che stravince. E che tacita ogni voce, più o meno maliziosa, su una squadra in crisi. Nulla contro la rabbia dei giallorossi ha potuto una Sampdoria, pur ben disposta in campo: la fortezza ha retto per 43 minuti, e poi è crollata. Grande risposta collettiva, e grandi risposte individuali, in particolare di Pjanic e Destro, criticati dopo la disfatta di Napoli. Tristezza per le due curve chiuse e per il tifo giallorosso forzatamente a ranghi ridotti.

PRIMO TEMPO – Garcia, perso Totti, conferma Destro al centro dell'attacco con Gervinho e Florenzi. A centrocampo turno di riposo per De Rossi e ritorno di Nainggolan. La gara inizia sottoritmo, per merito soprattutto di una Samp corta ed attenta, secondo i dettami di Mihajlovic. Tanto che la prima azione pericolosa arriva al 24', quando Strootman serve Gervinho in area, che si presenta a tu per tu con Da Costa, lo supera con un pallonetto ma trova il salvataggio sulla linea di Gastaldello. Al 30' lampo di Pjanic, che parte sulla sinistra, salta due uomini e mette nell'area piccola, dove Destro non arriva per pochi centimetri. Niente da fare, per il centravanti, anche al 34' su un buon cross di Florenzi. Clamorosa è poi l'occasione sprecata da Strootman, al 39', su gravissimo svarione della difesa blucerchiata: a tu per tu col portiere, l'olandese si fa parare la conclusione. Ma il gol è maturo: al 43', su corner scaturito da un'azione contestata dai giallorossi, cross di Florenzi e testa vincente di Destro. Un gol che arriva in una fase cruciale della gara.

SECONDO TEMPO – Al 5' subito un brivido, con Benatia che in caduta tocca il pallone con un braccio: l'arbitro Celi lo valuta regolare, come nel primo tempo a maglie invertite. All'8' la rete che chiude la gara: Pjanic si conquista una punizione ai 30 metri e poi la trasforma con un destro perfetto a fil di palo. Subito Garcia toglie Maicon, zoppicante, e inserisce Romagnoli, mentre dall'altra parte Mihajlovic risponde con l'ex Okaka per Wszolek. All'11' il terzo gol, con una straordinaria azione collettiva: tacco di Florenzi che libera Gervinho, ingresso in area da sinistra e cross per Destro, che controlla, si gira e scarica in rete. Manca più di mezz'ora, che sarà inevitabilmente di accademia: spazi larghi per la Roma, che però non affonda il colpo, mentre la Samp fa quello che può e limita i danni. Non del tutto, per la verità, vista l'espulsione di Gastaldello per doppia ammonizione. Spazio nel finale per De Rossi e Bastos al posto di Benatia e Destro, applauditissimo.

E' stata una risposta importante, quella della Roma. Una risposta rabbiosa, contro una squadra che dopo il cambio di panchina sta facendo molto bene, con un risultato che poteva essere perfino più largo. Sciolta la tensione dei primi minuti, i giallorossi hanno ricominciato a giocare come sanno, con velocità, qualità e determinazione. A fine gara, Garcia si sfoga: “Una vittoria che risponde alla mancanza di rispetto verso la mia squadra”. Importante che protagonista della gara sia stato proprio Destro: non sarà ancora Higuain o Tevez, ma fin qui la media gol parla da sola. Avanti così.

Simone Luciani

Roma-Sampdoria 3-0

ROMA: De Sanctis; Maicon (dal 10' s.t. Romagnoli), Benatia (dal 28' s.t. De Rossi), Castan, Torosidis; Nainggolan, Strootman: Gervinho, Pjanic, Florenzi; Destro (dal 36' s.t. Bastos). (Lobont, Skorupski, Toloi, Jedvaj, Taddei, F. Ricci, Ljajic, Di Mariano). All. Garcia.
SAMPDORIA: Da Costa; De Silvestri, Mustafi, Gastaldello, Regini; Palombo (dal 19' s.t. Obiang), Krsticic; Gabbiadini, Soriano (dal 40' s.t. Fornasier), Wszolek (dall'11' s.t. Okaka); Eder (Fiorillo, Berardi, Costa, Salamon, Rodriguez, Renan, Bjarnason, Sestu, Sansone). All. Mihajlovic. ARBITRO: Celi di Bari.
MARCATORI: Destro al 44' p.t.; Pjanic al 9', Destro all'11 s.t.
NOTE: spettatori 29.530 (inclusi abbonati curva nord e sud chiusa), incasso 767.136 euro. Espulso Gastaldello al 36' s.t. per doppia ammonizione. Ammoniti Destro per comportamento non regolamentare, Strootman per scorrettezze, De Silvestri per proteste. Angoli 7-2. Recupero: 1' p.t., 0' s.t..

[16-02-2014]

 
Lascia il tuo commento