Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma di prepotenza, 4-0 al Genoa

Apre un eurogol di Florenzi, proseguono Totti, Maicon e Benatia. Partita a senso unico.

Una Roma strabordante. Contro un Genoa rimaneggiato, i giallorossi erano chiamati a dimostrare di saper reagire alla sconfitta contro la Juventus, e lo hanno fatto al meglio. Una gara senza storia dall'inizio alla fine, in cui si contano sulla punta delle dita le volte in cui i grifoni hanno superato la metà campo. Una gara che poteva finire con un punteggio addirittura più rotondo, se i giallorossi avessero trasformato una delle tante palle gol nel corso della ripresa, quando il Genoa, lasciato in dieci da una reazione scriteriata di Matuzalem, ha alzato definitivamente bandiera bianca.

PRIMO TEMPO – Garcia recupera Pjanic e lo inserisce a centrocampo assieme a Strootman e Nainggolan. In attacco Florenzi vince il ballottaggio con Destro, mentre in difesa è Burdisso a prendere il posto dello squalificato Castan. Fin dall'inizio i giallorossi impostano un massiccio possesso di palla, scontrandosi però contro un pressing asfissiante dei genoani. Così, solo un paio di inserimenti di Gervinho impensieriscono la retroguardia ospite. Fino al 25', quando Francesco Totti, che sta trovando la sua forma migliore, si conquista una punizione dal limite e la va a battere. Il pallone viene alzato a campanile da Manfredini e Alessandro Florenzi, spalle alla porta, pesca un gioiello in rovesciata che fredda Perin. Basta questo per affondare il Genoa. Dopo due minuti Gervinho viene lanciato in contropiede addirittura da De Sanctis, brucia un avversario, si presenta a tu per tu con Perin ma gli spara addosso. Appuntamento col raddoppio rimandato di poco: al 29' nuovo affondo dell'ivoriano che dalla linea scarica per Totti, la cui conclusione di destro è deviata e inganna Perin. Al 42' la parola fine sul match: perfetto contropiede della Roma innescato da Totti, Dodò serve sulla destra Florenzi che premia l'inserimento centrale di Maicon. Il brasiliano, solo davanti al portiere, non sbaglia.

SECONDO TEMPO – La Roma trova il quarto gol dopo appena 6': corner di Totti e testa vincente di Benatia. Al 12', incredibile e indecorosa uscita di scena di Matuzalem, sostituito, almeno nelle intenzioni di Gasperini, da Cofie: l'ex laziale, sommerso dai fischi dello stadio, provoca i tifosi per l'intero tragitto di uscita dal campo e viene ammonito. Calvarese in un primo momento lo ammonisce e poi, imbeccato dai suoi assistenti, si rende conto che si tratta del secondo giallo e lo espelle. Cofie è così costretto a uscire dal campo ed entrare poco dopo per Bertrolacci. In dieci, il Genoa concede occasioni in quantità industriale. Al 22' ci prova da fuori Nainggolan (esordio in campionato coi fiocchi) ma è bravo Perin. Al 26' Destro, entrato per Pjanic, aggancia un pallone difficile servito da Strootman in area ma mette fuori. Al 31' Dodò (ottimo anche lui) affonda sulla sinistra e scarica per Totti, il cui tiro è respinto sulla linea da Manfredini. Garcia toglie poi Florenzi e Maicon per inserire Marquinho (fischiato) e Jedvaj, al suo esordio. Al 38' l'ultima emozione: triangolo Strootman-Destro, col centravanti che si presenta solo davanti a Perin ma mette alto.
Se questo era l'esame di maturità per la Roma e per la capacità di assorbire i passi falsi, i giallorossi sono stati promossi a pieni voti. Si fatica a trovare difetti nella prestazione di oggi, davvero perfetta. Non un'occasione è stata concessa a un Genoa francamente impresentabile, e non un singolo ha giocato sottotono. L'unico rammarico è la vittoria di Juve e Napoli, impegnate fuori casa, ma contro questa Roma non sarà facile per nessuno.

Simone Luciani

Roma-Genoa 4-0

ROMA: De Sanctis; Maicon (dal 37' s.t. Jedvaj), Benatia, Burdisso, Dodò; Nainggolan, Strootman; Florenzi (dal 33' s.t. Marquinho), Pjanic (dal 26' s.t. Destro), Gervinho; Totti. (Skorupski, Lobont, Torosidis, Taddei, Marquinho, F. Ricci, Caprari, Borrello). All. Garcia.
GENOA: Perin; Antonini, Manfredini, Marchese; Vrsaljko (dal 24' s.t. De Maio), Matuzalem, Cabral, Biondini, Antonelli; Bertolacci (dal 17' s.t. Cofie), Calaiò (dal 37' s.t. Konaté) (Donnarumma, Bizzarri, Sampirisi, Sturaro, Centurion, Stoian, Fetfatzidis). All. Gasperini.
ARBITRO: Calvarese di Teramo (Ghiandai-Posado/Nicoletti/Tagliavento-Borriello).
MARCATORI: Florenzi al 25', Totti al 30', Maicon al 43' p.t; Benatia al 7' s.t.
NOTE: spettatori 37.867, incasso 942.697 euro. Espulso al 13' s.t. Matuzalem per doppia ammonizione. Ammoniti Marchese per proteste, Cofie per scorrettezze.

[12-01-2014]

 
Lascia il tuo commento