Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, frenata a San Siro

Giallorossi fermati sul 2-2 dal Milan: due volte in vantaggio (Destro e Strootman su rigore) e due volte raggiunti (Zapata e Muntari).

Semaforo giallo. Contro un Milan rivitalizzato dal passaggio del turno in Champions, la Roma non va oltre un 2-2 che lascia l'amaro in bocca, soprattutto perché i giallorossi, due volte in vantaggio, per buona parte del secondo tempo sono svaniti dal campo, gettando al vento la pur buona prestazione di San Siro. Conferme per Mattia Destro, al secondo gol in due partite, mentre torna a calcare il campo nel finale Francesco Totti.
PRIMO TEMPO – Chi si aspetta il capitano dal primo minuto rimane deluso: il sempre prudente Garcia, oltre al prevedibile impiego di Bradley al posto dello squalificato Pjanic, sceglie un tridente “pesante” con Gervinho e Destro, e con Ljajic a sorpresa al posto di Florenzi. Nei primi minuti, solita partenza insistita della Roma. Da registrare l'ammonizione per De Rossi, che salterà la sfida col Catania. Al 13' giallorossi subito in gol: affondo di Strootman in area e cross basso per Destro, che a porta vuota arriva puntuale e mette in rete. Dopo il vantaggio, i capitolini sembrano padroni del campo, con Gervinho che quando si libera fa tremare la difesa rossonera e proprio Strootman in serata di grazia. Da segnalare un fallo da rigore non visto dall'arbitro Rocchi su De Rossi, nettamente trattenuto in area su azione di corner. Tuttavia, la squadra di Garcia appare evanescente nell'ultimo passaggio, e il Milan, alla prima vera occasione, ne approfitta: al 29', su azione di corner, deviazione di testa di Muntari per Zapata, che tutto solo da distanza ravvicinata batte De Sanctis con uno strano colpo di testa. Dopo un minuto Bradley, sempre su azione di calcio piazzato, ha l'occasione per ripristinare subito il vantaggio, ma il suo tocco dalla linea di fondo, a porta praticamente vuota, viene allontanato sulla linea da Bonera. Al 33' Gervinho sfrutta uno scivolone di Zapata e si invola verso la porta, ma ritarda troppo la conclusione e favorisce il recupero del difensore. Nel finale di tempo, colpo a un fianco per Castan in caduta, e il brasiliano deve lasciare il posto a Burdisso.
SECONDO TEMPO – Il Milan deve rinunciare ad Abbiati per problemi influenzali, e al suo posto entra Gabriel. Il giovane portiere brasiliano è subito protagonista negativo del match: al 5' uscita scriteriata su Gervinho in velocità, che viene steso dall'estremo difensore appena dentro l'area. E' rigore, che Strootman trasforma. Al 16' buona discesa di Ljajic (generoso ma poco incisivo) sulla destra e cross sul primo palo per Destro, che non riesce a trovare la porta con la deviazione di prima. E' l'ultima occasione per il centravanti, che finisce la benzina e lascia il posto a Francesco Totti. Dall'altra parte Allegri inserisce Matri per Poli, e si vede. Al 23' Kakà viene spostato in area da un intervento assai sospetto di Dodò. Nei minuti successivi, il Milan guadagna metri di campo e la Roma sembra andare in debito d'ossigeno, nonostante una buona occasione per Bradley, che di testa mette a lato da centroarea. Al 32' i rossoneri trovano il pari: sponda di Balotelli in area per Muntari, che brucia Dodò in progressione e batte con un destro rasoterra De Sanctis sul primo palo. L'effetto del gol sulla gara è devastante: il Milan stringe la Roma negli ultimi trenta metri, e i giallorossi sembrano non riuscire più a costruire gioco. Garcia prova a rimettere ordine con Florenzi per Ljajic. Al 40' punizione violenta di Balotelli dal limite, su cui De Sanctis mette i pugni. Il finale, con entrambe le squadre stanche e allungate, è da mal di testa. Al 44' Emanuelson deve lasciare il campo per un brutto colpo al braccio. Al 2' di recupero Gervinho spreca una buona occasione in area con un tiro improbabile dal lato corto dell'area. Sul capovolgimento di fronte occasione enorme per Balotelli che si libera a tu per tu con De Sanctis ma mette a lato. Nell'ultimo minuto caos nell'area del Milan: prima Bonera salva su cross di De Rossi, poi Gervinho, sul gong, prova la conclusione dal limite di sinistro ma la palla sfiora il palo.
Sul piano della classifica un punto che non serve al Milan e nemmeno alla Roma, che vede avvicinarsi il Napoli e allontanarsi la Juve. Sul piano del gioco una buona prova in fase di costruzione (ma con poca concretezza nell'ultimo passaggio), con Destro utile terminale offensivo. Da riflettere, però, sul passaggio a vuoto avuto subito dopo il pareggio del Milan. E, soprattutto, su qualche sbandata difensiva di troppo. Ha pesato l'assenza di Pjanic. Domenica i giallorossi aspettano il Catania, senza De Rossi e Strootman e con Castan da verificare. Totti è prevedibilmente lontano dalla miglior condizione.

Simone Luciani

Milan-Roma 2-2

MILAN: Abbiati (dal 1’ s.t. Gabriel); De Sciglio, Zapata, Bonera, Emanuelson (dal 44’ s.t. Zaccardo); Poli (dal 21’ s.t. Matri), De Jong, Muntari; Montolivo, Kakà, Balotelli. (Coppola, Mexes, Cristante, Nocerino, Saponara, Niang, Pazzini). All: Allegri.
ROMA: De Sanctis; Maicon, Benatia, Castan (dal 44’ p.t. Burdisso), Dodò; Bradley, De Rossi, Strootman; Ljajic (dal 36’ s.t. Florenzi), Destro (dal 19’ s.t. Totti), Gervinho. (Lobont, Skoropuski, Torosidis, Jedvaj, Romagnoli, Taddei, Marquinho, Ricci, Mazzitelli). All: Garcia.
ARBITRO: Rocchi.
MARCATORI: Destro (R) al 13’, Zapata (M)al 29’ p.t.; Strootman ( R) su rigore al 6’, Muntari al 32’ s.t..
NOTE: Ammoniti De Rossi, Gabriel, Kakà, Strootman per gioco scorretto, Balotelli per c.n.r., Montolivo per proteste. Al 29’ s.t. espulso Allegri per proteste.

[17-12-2013]

 
Lascia il tuo commento