Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma forza nove: battuta anche l'Udinese

Al Friuli i giallorossi passano con un gol di Bradley dopo una gara molto sofferta. Espulso Maicon nel secondo tempo.

E nove. Non senza sudore e sofferenza. Perché contro la banda di Di Natale la Roma ha incontrato enormi difficoltà. Ad arginare le frecce d'attacco bianconero e a riorganizzare un'idea offensiva di gioco con le pesantissime assenze di Totti e Gervinho. Nonostante questo, però, e nonostante l'ultima mezz'ora di gioco disputata in dieci uomini per un'evitabile espulsione di Maicon, i giallorossi hanno tirato fuori le unghie e trovato la zampata vincente nel finale con Michael Bradley, al ritorno in campo dopo il fastidioso infortunio.

PRIMO TEMPO – Al solito, poche stravaganze di Rudi Garcia, che al posto di Totti e Gervinho inserisce Borriello e Ljajic. Con l'inconveniente, non da poco, di perdere un regista offensivo e il principale “spaccadifese” del campionato. E se le trame offensive dovrebbero girare attorno ai cross di Maicon e Balzaretti per il centravanti campano, c'è da dire che le occasioni per Borriello latitano. Meglio Ljajic, ma in una squadra che non trova la chiave per mettere in difficoltà gli uomini di Guidolin. Che invece sanno, e bene, cosa fare: le ripartenze veloci di Muriel e Di Natale, infatti, mettono più volte in imbarazzo la retroguardia giallorossa. Dopo appena tre minuti Muriel, su azione personale, colpisce il palo con un velenoso diagonale dai sedici metri. All'11' ancora Muriel mette in crisi Maicon, che lo stende in velocità e prende il primo giallo. Al 19', tanto per cambiare, è ancora il colombiano a raccogliere un rinvio sbagliato di De Sanctis, a entrare in area e a scaricare per Di Natale, che di prima dall'altezza del dischetto non riesce ad angolare. E la Roma? Poco riesce a combinare: il pressing alto, il timore di cadere su un contropiede e le fasce bloccate da Guidolin rendono spuntate le armi di Garcia. Tanto che al 38' è ancora l'Udinese a sfiorare il vantaggio con Gabriel Silva che si presenta a tu per tu con De Sanctis, lo supera con un pallonetto ma Castan salva miracolosamente sulla linea. Nel finale, percussione di Maicon in area, ma dalla linea di fondo il brasiliano cerca un'improbabile conclusione.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa la Roma sembra maggiormente in grado di controllare le sfuriate friulane, pur latitando in fase offensiva. Così, al 17' Garcia prova a inserire Marquinho per uno spento Florenzi. Al 21' l'episodio che potrebbe decidere il match: Maicon, con una clamorosa ingenuità, stende Badu a centrocampo e si becca il secondo giallo. Dalla panchina ecco Torosidis per Borriello per Pjanic, fin qui il migliore dei giallorossi. Con la Roma ancora in cerca d'assetto, svarione di Balzaretti su rinvio e conclusione di Di Natale dal limite che sfiora il palo. Guidolin rischia qualcosina in più con Basta al posto di Herteaux, ma a pescare il jolly è Garcia, che al 33' inserisce Bradley per un volenteroso ma inconcludente Borriello. Quattro minuti dopo, azione insistita di Strootman al limite dell'area e tocco corto per il tiro di prima dell'americano, che si insacca alla destra di Kelava. Ed è il colpo vincente che stende l'Udinese: tardivo l'inserimento di Maicosuel, inutile quello di Ranegie. Dopo un parapiglia fra Marquinho e Pinzi, la Roma porta a casa una vittoria che vale come l'oro e pesa come il piombo.
Inutile nascondere come questa sia stata la prestazione più “problematica” della Roma da inizio campionato: assenze pesantissime, un gioco da reinterpretare e un attacco assai ostico da arginare. Ma in un campionato c'è anche la fortuna, e il resto lo fa il carattere. Granitico quello dei giallorossi, pronti a cercare la vittoria di rapina anche in inferiorità numerica. Poi, il gol di Bradley testimonia la forza di un gruppo davvero irriconoscibile rispetto allo scorso anno. Così, in una giornata dal calendario in salita gli uomini di Garcia mantengono invariato il distacco con le inseguitrici e, pur con varie vicissitudini, confermano una difesa quasi impenetrabile. Avanti tutta.

Simone Luciani

Udinese-Roma 0-1

Udinese: Kelava; Heurtaux (76' Basta), Danilo, Naldo, Gabriel Silva; Pereyra, Pinzi, Badu, Lazzari (85' Maicosuel); Muriel (90' Ranegie); Di Natale. A disp.: Brkic, Benussi, Bubnjic, Douglas, Bruno Fernandes, Jadson, Allan, Merkel, Nico Lopez. All.: Guidolin
Roma: De Sanctis; Maicon, Benatia, Castan, Balzaretti; De Rossi, Strootman; Pjanic (68' Torosidis), Florenzi (62' Marquinho), Ljajic; Borriello (78' Bradley). A disp.: Skorupski, Lobont, Torosidis, Jedvaj, Burdisso, Romagnoli, Dodò, Taddei, Caprari, Ricci. All.: Garcia
Arbitro: Bergonzi
Marcatori:82' Bradley (R)
Ammoniti:Florenzi, De Rossi, Maicon (R), Muriel, Heurtaux, Pereyra (U)
Espulsi:Maicon (R)

[27-10-2013]

 
Lascia il tuo commento