Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Il derby della Roma

Balzaretti-Ljajic: i giallorossi dominano il secondo tempo e vincono. Giallorossi in testa, Lazio fragile.

Stavolta il derby dice Roma. Dopo una partita a due volti, di una noia mortale nel primo tempo e bellissima nel secondo, ha pesato il maggiore spessore tecnico, fisico e caratteriale dei giallorossi, mentre la Lazio, nonostante alcune occasioni pericolose, è pian piano sparita dal campo. Decisivo il primo gol della Roma, firmato da Federico Balzaretti che, fra i più discussi della scorsa stagione, è scoppiato in un coriaceo pianto sotto la Curva Sud. E' la fine di un incubo per lui e per i romanisti, mentre la Lazio, che si è guadagnata un discreto bonus a livello di sfottò con la vittoria in Coppa Italia, deve però riflettere sugli evidenti limiti tattici e di testa palesati, e non solo nel derby.

PRIMO TEMPO – Garcia lascia in panchina Ljajic, acciaccato durante la settimana, e gli preferisce Gervinho. Petkovic fa invece i conti con una difesa rabberciata, con Cavanda e Konko sulle fasce e Ciani e Cana centrali. Parlare di primo tempo tirato è poco: nei primi minuti la Lazio mantiene maggiormente il possesso di palla, mentre nella seconda parte la Roma inverte la tendenza, ma con uguale risultato, ovvero nessuna occasione degna di nota. Se si fa eccezione per un paio di conclusioni fuori misura dei biancocelesti e un colpo di testa sbilenco di Gervinho da posizione defilata. L'arbitro Rocchi, tuttavia, trova il modo di ammonire De Rossi e Florenzi.

SECONDO TEMPO – La ripresa, invece, è un'altra partita. Le squadre si allungano, e le emozioni fioccano. Al 5' Ciani colpisce la traversa di testa. Al 7' un cross basso di Ljajic, entrato al posto di Florenzi, viene respinto in extremis prima che divenisse pericoloso per Marchetti. Sul corner seguente De Rossi mette a lato di pochissimo di testa. Un minuto dopo è invece Klose a fallire un gol da ottima posizione su cross di Lulic. E' questa l'ultima sortita offensiva della Lazio che, inspiegabilmente, svanisce dal campo, subendo la terrificante pressione della Roma sulle fasce e gli inserimenti laterali di Maicon, Ljajic, Gervinho e Balzaretti. Al 14' è Maicon a penetrare in area da destra, ma il suo tiro viene deviato. Tre minuti più tardi Balzaretti colpisce il palo di sinistro con una conclusione di potenza e Marchetti si salva sulla ribattuta. Sul corner seguente di Totti, però, il mancino giallorosso non sbaglia la conclusione al volo e trafigge Marchetti. Petkovic prova a inserire Floccari per Cavanda, ma senza cambiare l'inerzia della gara. Anzi, al 28' è ancora De Rossi a colpire di testa da centroarea, ma la conclusione è troppo centrale. Al 31' dentro Dias ed Ederson per Ciani e uno spento Hernanes. Proprio Dias, al 36', ferma Totti con un fallo da ultimo uomo e viene espulso. E', in sostanza, la fine della partita, con la chiosa, all'ultimo minuto, di Ljajic, che va a conquistarsi un rigore e a trasformarlo per il 2-0 finale.

Se i derby spesso smentiscono le previsioni, stavolta non è stato così. Troppo bella e forte, nel secondo tempo, la Roma di Rudi Garcia, un allenatore riuscito in pochi mesi a cambiare il volto di una squadra fragile, capricciosa e disorganizzata in una compagine solida e brillante, capace in alcuni momenti della gara di stringere d'assedio l'avversario e di rischiare pochissimo. Dall'altra parte, una Lazio che appare la brutta copia di quella ammirata nelle scorse stagioni: il cinismo e la solidità difensiva si sono trasformati in vacuità offensiva e scarsissime idee di gioco. Se Garcia dovrà tenere a freno l'entusiasmo e fare in modo che non si trasformi in supponenza, Petkovic dovrà invece capire se qualcosa si è rotto e, se sì, cosa.

Simone Luciani

Roma-Lazio 2-0

ROMA: De Sanctis; Maicon, Benatia, Castan, Balzaretti; Pjanic (86′ Taddei), De Rossi, Strootman; Florenzi (51′ Ljajic), Totti (91′ Borriello), Gervinho. A disp: Skorupski, Dodò, Ricci, Jedvaj, Marquinho, Burdisso, Torosidis, Romagnoli, Caprari. All: Garcia.
LAZIO: Marchetti; Cavanda (71′ Floccari), Ciani (78′ Dias), Cana, Konko; Ledesma; Candreva, Gonzalez, Hernanes (78′ Ederson), Lulic; Klose. A disp: Berisha, Strakosha, Elez, Pereirinha, Vinicius, Onazi, Keita, Felipe Anderson, Bryan Perea. All: Petkovic.
Arbitro: Rocchi di Firenze.
Marcatori: 63′ Balzaretti (R), 94′ rig. Ljajic (R).
Espulso: Dias (L) all’82′ per fallo da ultimo uomo.
Ammoniti: De Rossi, Florenzi (R), Lulic, Cavanda (L), Maicon (R), Cana (L).

[22-09-2013]

 
Lascia il tuo commento