Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, che spettacolo! Battuta la Fiorentina

Partita splendida: i giallorossi si impongono per 4-2. Doppietta di Totti

Ora lo sappiamo: la Roma c’è. A dirlo è la quarta vittoria consecutiva. E stavolta non c’è classifica che tenga, perché di fronte c’era la Fiorentina di Vincenzo Montella. Ovvero, la rivelazione del campionato, guidata dall’allenatore che in tanti avrebbero voluto sulla panchina giallorossa. Invece, l’ha vinta Zeman. E l’ha vinta molto più nettamente di quanto dica il risultato. Gli uomini del boemo, guidati da un meraviglioso Totti, hanno infatti dominato in lungo e in largo per tutti i novanta minuti, e solo l’imperizia in fase conclusiva ha impedito alla Roma di chiudere la gara con largo anticipo.

PRIMO TEMPO – Zeman, nonostante i recuperi di Stekelenburg, De Rossi e (in parte) Lamela, conferma la formazione che ha battuto il Siena. Come da abitudine in questa stagione, i primi minuti sono al cardiopalma. Al 7’ la Roma è già in vantaggio: cross di Totti su punizione, testa di Tachtsidis dal fondo e tocco vincente sulla linea di Castan. Passano appena cinque minuti e la Fiorentina, su azione simile, pareggia: cross di Borja Valero, inserimento da dietro di Rodriguez che crossa per il gol da due passi di Roncaglia. E’ dopo questi scossoni iniziali che la partita trova il suo assetto: Roma in costante pressione offensiva, e Fiorentina incapace di costruire azioni da ricordare a margine di una rete orizzontale di passaggi. Così, al 18' ecco il raddoppio giallorosso: triangolo Totti-Destro e gioco di prestigio del capitano all'altezza del dischetto, per un gran gol. Al 27’ Destro si presenta quasi a tu per tu con Viviano, ma viene fermato in extremis e Bradley non riesce a ribadire in rete. Al 36’ Viviano è bravo a deviare un tocco ravvicinato di Pjanic. Al 42’ il portiere viola si ripete su Destro, che conclude da centroarea su scarico di Pjanic. Ma al 45’ è proprio l’estremo difensore a regalare, almeno in parte, il 3-1 alla Roma: pessimo infatti l’intervento su un tiro dai 25 metri, comunque bellissimo, di Totti.

SECONDO TEMPO – Montella prova a rivoluzionare la squadra con Fernandes e El Hamdaoui. E i fatti, almeno inizialmente, gli danno ragione: nemmeno un minuto, e i viola colpiscono a freddo. E’ proprio El Hamdaoui a sorprendere la retroguardia giallorossa di testa su cross di Borja Valero. A questo punto, però, la Roma, anziché scomporsi e arretrare, reagisce compatta e produce una quantità impressionante di occasioni da gol. Al 2’ con Florenzi, sul cui colpo di testa è bravissimo Viviano. Al 9’, con Bradley e Destro che concludono per due volte dell’area piccola e vengono murati. Al 12’, quando Destro non arriva su un cross sottoporta. Al 18’ è la volta di De Rossi, acclamato da gran parte dello stadio, e Perrotta. Al 28’ la gioia del gol si strozza in gola a Marquinhos (grande prova, la sua), quando il suo centro viene annullato per un precedente fuorigioco di Destro. Il tutto è da rivedere. Subito dopo, il centravanti marchigiano lascia il posto a Osvaldo. A due minuti dalla fine, la Roma si salva dalla beffa: Seferovic, entrato per Toni, si presenta a tu per tu con Goicoechea, e il portiere è bravissimo a parare. Sul capovolgimento di fronte, finalmente, il sacrosanto 4-2: Totti premia il taglio di Osvaldo, che beffa Viviano sotto le gambe.
Doveva essere la partita dell’amarcord per tanti, soprattutto fra i viola. Di certo, invece, è stata la sfida che rischia di zittire gli antizemaniani di professione e le vedove del pur bravissimo Vincenzo Montella. Perché, se è vero che sono stati 90’ di spot per il calcio, è altrettanto vero che la Roma ha letteralmente dominato. Vale la pena di ripetere che Totti è stato immenso, e assieme a lui grandi prove per Marquinhos e Pjanic. Non mancheranno le polemiche per le esclusioni eccellenti, ma soltanto perché in questa città non passa mai la voglia di farsi del male.

Simone Luciani

Roma-Fiorentina 4-2
ROMA: Goicoechea; Piris, Marquinhos, Castan, Balzaretti; Bradley, Tachtsidis (20' st De Rossi), Florenzi (20' st Perrotta); Pjanic, Destro (28' st Osvaldo), Totti. (Lobont, Stekelenburg, Burdisso, Romagnoli, Dodò, Taddei, Marquinho, Lamela, Nico Lopez). All. Zeman 7.
FIORENTINA: Viviano; Roncaglia, Rodriguez, Savic; Cassani (1' st Mati Fernandez), Aquilani, Olivera (1' st El Hamdaoui), Borja Valero, Pasqual; Cuadrado, Toni (38' st Seferovic). (Neto, Lupatelli, Tomovic, Bernardeschi, Della Rocca, Romulo, Migliaccio, Llama, Jovetic). All. Montella.
ARBITRO: Banti di Livorno.
MARCATORI: 7' Castan (R), 14' Roncaglia (F), 19' e 46' pt Totti (R); 2' El Hamdaoui (F), 44' st Osvaldo (F)
NOTE: spettatori 41.689. Ammoniti Tachtsidis (R), Olivera (F), Cassani (F), Rodriguez (F), Cuadrado (F) e Roncaglia (F). Angoli: 9-5 per la Roma. Recupero: 0' pt; 3' st.

[08-12-2012]

 
Lascia il tuo commento