Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

Virtus Roma, cosė non va

Meritata sconfitta interna contro Cantų

Preoccupante sconfitta interna per la Virtus Roma, superata 80-82 dopo un tempo supplementare dalla Pallacanestro Cantu'. La formazione romana ha offerto uno spettacolo davvero modesto, in controtendenza rispetto alle ultime confortanti uscite, riuscendo a raffreddare l'entusiasmo di un pubblico finalmente numeroso per il debutto stagionale tra le mura amiche dopo la squalifica del campo scontata a Bologna.

Nonostante siano risultati i migliori realizzatori della serata, sia Jordan Taylor che Quinton Hosley hanno profondamente deluso, interpretando la partita come uno show personale del tutto avulso dal contesto generale, fino a sprecare in maniera puerile i possessi decisivi, quelli che hanno infine deciso una gara che è sempre rimasta sul filo dell'equilibrio. 

La prima fuga canturina, il 6-17 al 5' prodotto dai canestri di Michael Jenkins, veniva presto rintuzzata dai canestri da fuori di Goss e D'Ercole, per il pareggio a 17 di inizio di secondo quarto. Quello del tiro da tre sara' la costante di tutta la gara dei romani. Un uso spesso sconfinato nell'abuso di questa componente del gioco, che ha visto ben figurare Jimmy Baron, ma che alla distanza si e' rivelata improduttiva. Il vero allungo della Virtus, infatti, giunto a meta' terzo periodo con lo schiaccione di Mbakwe per il massimo vantaggio (42-33 al 24') e' stato vanificato dal recital imprevisto di Stefano Gentile, autore di 12 punti consecutivi compreso il canestro da meta' campo sulla sirena del terzo periodo (55-52).

Da quel momento è cominciata una battaglia punto a punto, con un Mbakwe buon protagonista autore di 8 punti nell'ultimo quarto, ma che ha visto una gestione della partita da parte di Dalmonte completamente rivedibile. Tolto dal parquet l'unico giocatore che appare ad oggi insostituibile, Lorenzo D'Ercole, il coach romano ha insistito con lo stesso quintetto, incapace di attaccare collettivamente il canestro, per tutti gli ultimi dieci minuti di gara, supplementari compresi.

E se la ben più organizzata Cantù non è riuscita a chiudere la gara nei tempi regolamentari, l'inevitabile epilogo è arrivato al termine dell'overtime, quando i lombardi hanno continuato ad attaccare collettivamente il canestro grazie alle buone spaziature ed agli scarichi efficaci per i tiratori. Il canestro di Leunen dall'angolo, dopo l'ultima affannosa parita' raggiunta da Roma con iniziative personali e aleatorie, e' stato quello decisivo, il piu' tre (75-78) a meno da un minuto dalla fine cui ha fatto seguito l'ennesima orribile palla persa di un Hosley versione balneare.

Arriva quindi una sconfitta tanto evitabile quanto grave in ottica classifica. Benchè solo alla quarta giornata, il campionato si sta infatti rivelando oltremodo equilibrato, come da facili previsioni iniziali. Perdere in casa partite largamente alla portata - ricordiamo l'assenza tra le fila canturine di uno dei migliori italiani in circolazione, Pietro Aradori - significa mettere da subito a repentaglio la qualificazione alle final-eight di Coppa Italia, primo obiettivo stagionale. A preoccupare, inoltre, è la conduzione tecnica di Dalmonte, alle prese con una squadra presuntuosa in molti suoi elementi, lasciati però sul parquet nei momenti chiave a scapito di quelli decisamente più umili ed utili.

Mentre è in arrivo, a quanto pare, il sospirato passaporto cotonou per Bobby Jones, così da definire una volta per tutte il roster definitivo dell'Acea 2013-14, la squadra è attesa in settimana da due trasferte entrambe insidiose: la prima in Eurocup a Saragozza (mercoledì 6 novembre ore 20,30); la seconda in campionato a Caserta (domenica 10 ore 18,15 diretta su Romauno). Entrambe la gare serviranno ad avere risposte in merito alle potenzialità di questa squadra, che sembrerebbero molte dal punto di vista tecnico, ma che - con prove come quella di oggi - appaiono molto lontane dagli standard dello scorso anno in quanto a grinta e spirito di squadra.

Andrea De Paolis

[04-11-2013]

 
Lascia il tuo commento