Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

Virtus Roma: si ricomincia

Al via la preparazione per i ragazzi di Dalmonte

Comincia ufficialmente la stagione 2013-14 per la rinnovata Virtus Roma, reduce dalla conquista del secondo posto nello scorso campionato. Molte le facce nuove presenti al Palatiziano per il primo giorno di scuola, ma molte anche le defezioni, a partire dal coach Luca Dalmonte impegnato in Slovenia con la Nazionale, per arrivare ai nuovi acquisti Mbakwe, Eziukwu, Baron e al confermatissimo Taylor, tutti ancora negli Stati Uniti a preparare gli ultimi bagagli.

Guidati dal nuovo assistant coach Fedrico Fucà e dal neo prepatore atletico Roberto Venerandi, giovani e vecchi virtussini hanno indossato i completi da allenamento confezionati dal nuovo anch'esso sponsor tecnico - il marchio spagnolo Joma - e hanno iniziato a sudare nel sempre caldo catino di Piazza Apollodoro. Ai veterani Goss, D'Ercole, Bobby Jones e al superveterano Tonolli (comincia la sua ventesima - e ultima - stagione in maglia Virtus), si sono aggiunti i nuovi acquisti Quinton Hosley, Riccardo Moraschini e Marco Reali, alcuni giovani dell'Eurobasket e la vecchia conoscenza Alex Righetti per il primo blando allenamento, antipasto del ritiro che si svolgerà dal 31 agosto a Gabicce Mare.

Metabolizzate la sconfitta nella finale scudetto e la rinuncia alla guida tecnica di Marco Calvani, la nuova Virtus riparte con un roster sulla carta più competitivo di quello della passata stagione, seppur privo della stella Gigi Datome volato a Detroit in Nba. Le mosse di mercato del rampante gm Nicola Alberani permetteranno infatti alla squadra del presidente Toti di annoverare tra le proprie fila, grazie ad alchimie burocratiche, la bellezza di sette americani, che al momento compongono la quasi totalità del roster, ancora incompleto per quanto riguarda la quota italiani.

Nel dettaglio, nel reparto esterni, ai confermatissimi Phil Goss e Jordan Taylor si aggiunge il mortifero tiratore Jimmy Baron, proveniente dal Lokomotiv Kuban dove ha conquistato l'Eurocup. Le novità maggiori si trovano tuttavia nel settore dei lunghi, dove accanto al rifirmato e con nuovo passaporto dominicano Bobby Jones, si affiancheranno i  lunghi arrivati per rimpiazzare i partenti Lawal, Lorant e Czyz. Si tratta dell'espolosiva ala Quinton Hosley, già visto a Sassari dove fu protagonista di un ottima stagione; del centro di origini nigeriane Callistus Eziukwu, proveniente dal campionato greco e dotato di buona tecnica; e per finire quello che potrà realmente rappresentare il valore aggiunto della squadra, ossia il centro Trevor Mbakwe, accreditato di ottime cifre durante la carriera universitaria nell'Ncaa ed in predicato dopo l'esperienza europea di approdare in Nba. Completano la formazione del presidente Toti gli italiani Lorenzo D'Ercole, Marco Reali, Alessandro Tonolli ed il nuovo arrivato dalla Virtus Bologna Riccardo Moraschini.

In attesa che la compagine romana possa essere completata ulteriormente con l'arrivo di un lungo in possesso di passaporto italiano, ricerca invero difficile per Alberani, le prime considerazioni che si possono fare alla lettura dei nomi che scenderanno in campo nel campionato che inizierà il 13 ottobre, non possono che essere improntate all'ottimismo. Il nucleo base della formazione dello scorso anno è stato infatti confermato con reciproca soddisfazione, sia della società che dei giocatori, mentre i nuovi arrivi hanno potenzialità notevoli ovviamente tutte da confermare.

Ottime prospettive quindi per la Virtus, a patto che l'atmosfera quasi magica che si era creata in palestra e sul campo e da qui ritrasmessa ai tifosi, non vada dispersa. Sarà il compito maggiore che Luca Dalmonte dovrà affrontare non appena avrà terminato il suo ruolo di vice allenatore della Nazionale negli imminenti Campionati Europei, con l'obiettivo di ripetere, se non migliorare, i risultati della passata stagione e di ben figurare in Europa, dove la Virtus si riaffaccia a distanza di tre anni dall'ultima fallimentare esperienza.

Andrea De Paolis


[26-08-2013]

 
Lascia il tuo commento