Giornale di informazione di Roma - Domenica 02 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

Roma spreca. Martedi si decide

Incredibile rimonta di Reggio Emilia. Serie sul 3-3

La Virtus Roma arriva a pochi centimetri dalla qualificazione, ma come in un arrivo in salita ciclistico si pianta sul più bello, consentendo alla Trenkwalder Reggio Emilia un'insperata rimonta con annessa vittoria, 91-82, che pareggia la serie e porta tutti allo spareggio di martedi sera.

Va dato prima di tutto atto ai padroni di casa di aver disputato una partita ai limiti dell'eroismo. Dopo aver subito per oltre venticinque minuti una Virtus dominante su entrambi i lati del campo, con la difesa concentrata e l'attacco efficace e preciso come raramente si è visto nella serie, Reggio tramite il suo coach Menetti trova due carte della disperazione che invece si rivelano decisive: una zona difensiva che manda nel pallone l'attacco virtussino ed il giovane centro Riccardo Cervi, 2.14 di quasi abulia fino all'improvviso e imprevisto risveglio di questa serata, sicuramente il punto più alto della sua giovane carriera, condito da 8 punti, 5 rimbalzi e tanta presenza sotto le plance.

Sono questi i due elementi, insieme all'entusiasmo di un pubblico sovraeccitato e talvolta oltre i limiti della civiltà, a produrre la clamorosa rimonta, iniziata sul meno 15 (49-64 al 27') e terminata col sorpasso firmato Cinciarini (75-73 al 36'), senza poter contare per giunta sul proprio miglior giocatore, un Donnell Taylor da 22 punti in 17 minuti uscito prematuramente, e non del tutto meritatamente, per falli.

La Virtus prova ad aggrapparsi al suo leader Datome, autore di 23 punti impreziositi da giocate sopraffine, ma l'energia dei padroni di casa è contagiosa, tanto da produrre a conti fatti un secondo tempo pazzesco, con 62 punti segnati e 8/11 da tre punti. Roma torna a casa con non poca delusione, ma anche con la convinzione di aver giocato una partita ottima per tre quarti di gara, da interpretare come buon viatico per gara7 e non per alimentare inutili rimpianti.

L'appuntamento con lo spareggio decisivo è fissato per martedì sera al Palatiziano, quando servirà una cornice di pubblico tanto numerosa quanto rumorosa, per spingere i ragazzi di Calvani al traguardo delle semifinali che appare comunque complessivamente meritato anche in considerazione della stagione regolare.

Gara7 che sarà necessaria anche nel quarto di finale tra Sassari e Cantù, dal quale uscirà la squadra che affronterà la vincente di Roma-Reggio Emilia. Dall'altra parte del tabellone, invece, stasera a Siena gara6 con Milano in vantaggio 3-2, mentre Varese è già approdata alla semifinale dopo aver regolato Venezia con un agevole 4-1.

Andrea De Paolis

[20-05-2013]

 
Lascia il tuo commento