Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

E' una magica Virtus

Passa anche a Cantý. Quinta vittoria in fila.

Vince anche a Cantù l'Acea Roma, 60-65, quinta affermazione in fila e settimo successo esterno su nove partite. Probabilmente il punto più alto, finora, di una stagione che sta riservando agli appassionati romani sorprese davvero inattese, come quella di andare ad espugnare uno dei campi tradizionalente più caldi, e contro una delle favorite alla conquista del titolo.

La squadra allenata da Calvani dimostra una volta di più la propria compattezza, riuscendo ad ottenere il meglio, o quasi, da tutti gli uomini impiegati sul parquet. Se il primo tempo, chiuso 30-28 per i brianzoli, vede protagonista offensivo Gani Lawal, sgusciante e tentacolare sotto canestro, il terzo quarto, quello della prima spallata, è aperto da due triple di Jordan Taylor, seguite da alcune magie sparse dell'MVP di serata, indiscutibilmente Gigi Datome.

E se, come prevedibile, i canturini riescono di nuovo ad andare avanti nel punteggio, dopo essere stati anche a meno dieci (41-51 al 28'), ecco che Phil Goss con un canestro da tre riporta Roma a meno uno (60-59 al 36'), prima che un altra pennellata di Datome dia l'ultimo, definitivo, vantaggio ai romani che riescono a tenere inviolato il canestro negli ultimi quattro minuti di gioco, fino alla sirena finale.

Pur perdendo, cosa rara in stagione, la battaglia ai rimbalzi (44-34), Roma è riuscita a limitare in maniera decisiva il potenziale offensivo di Cantù, tenuta a soli 60 punti, grazie ai costanti cambi difensivi e alla zona utilizzata sulle rimesse avversarie. In attacco, invece, Roma è sembrata avere più energia nei momenti decisivi del match, ben guidata da Jordan Taylor, ma anche da Lorenzo D'Ercole, in alcuni momenti vero play occulto della squadra.

Gigi Datome ha stravinto il confronto diretto con l'altro gioiellino azzurro Pietro Aradori, il cui fallo di sfondamento nell'ultimo minuto di gioco ai danni dell'ala sarda rappresenta la fotografia più esauriente.

Roma con questa vittoria si issa così solitaria al quarto posto in classifica, e non sembra essere affatto limitata dagli uomini contati nel reparto esterni, nè da una stanchezza che pure pareva lampante anche solo sette giorni fa, dopo la stentata vittoria interna contro Pesaro. La prossima gara, domenica alle 18,15, la vedrà impegnata ancora in trasferta sull'ostico campo di Reggio Emilia, per continuare ad alimentare quello che da sogno sta diventando sempre più realtà.
Andrea De Paolis

[28-01-2013]

 
Lascia il tuo commento