Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

Roma, ritorna la coppa Italia

Battuta Biella con qualche sofferenza di troppo

Con la vittoria ottenuta stasera contro l'Angelico Biella per 67-59 la Virtus Roma si assicura, dopo tre anni di assenza, la partecipazione alle final-eight di coppa Italia, in programma in febbraio a Milano. La matematica certezza e' arrivata al termine di una gara che non è stata un grande spot per il basket, ma che i ragazzi di Calvani hanno avuto il merito di saper gestire al meglio nei minuti decisivi, quelli finali.

Partita a razzo nel primo quarto, chiuso 19-5, la Virtus ha avuto un lungo blackout durato oltre venti minuti, durante i quali la qualità della pallacanestro proposta sul parquet di viale Tiziano è scesa vorticosamente, complice anche un avversario non a caso nelle ultime posizioni di un campionato già di per se' non particolarmente eccelso tecnicamente.

Alle basse percentuali nel tiro da parte degli esterni si aggiungeva la scarsa precisione dei lunghi, con Gani Lawal insolitamente falloso anche nei pressi del canestro, così da consentire a Biella un lento ma costante recupero nel punteggio dopo il parziale di inizio gara.

Le cose parevano davvero mettersi male quando a meno di nove minuti dalla sirena finale l'Acea era sprofondata sotto di altrettanti punti (36-45 al 31'), e strani fantasmi del passato aleggiavano all'interno dell'angusto palasport. Tuttavia l'annata in corso presenta delle nette discontinuità rispetto al passato, anche dal punto di vista arbitrale, e bastavano un paio di canestri da lontano (Taylor e D'Ercole), un fallo tecnico alla panchina piemontese, e, come domenica scorsa a Brindisi, l'entrata in scena di Bobby Jones, per consentire alla Virtus di portarsi a casa gara, quinto posto e qualificazione.

Proprio da quest'ultimo arrivano le note più positive in casa Virtus: dopo un inizio di stagione nettamente al di sotto di curriculum e aspettative, l'ala americana sembra aver ritrovato fiducia in se' stesso, non essendogli mai mancata quella del coach. Goss, dopo la superba prova di Brindisi non si è ripetuto, mentre i due italiani Datome e D'Ercole sembrano aver smarrito, si spera momentaneamente, la precisione al tiro. 

Domenica prossima ultima gara del girone d'andata, trasferta non impossibile ad Ancona contro la Sutor Montegranaro (ore 18,15), occasione da sfruttare al massimo per consolidare un quinto posto in classifica davvero interessante anche in chiave playoff.

Andrea De Paolis



[07-01-2013]

 
Lascia il tuo commento