Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

MalasanitÓ, dossier di Codici

le inefficienze del servizio sanitario regionale

“Sulla salute non si scherza”. Lo ribadisce l’associazione Codici che questa mattina ha presentato un dossier sulla malasanità laziale. Sono circa 100 le cause avviate da cittadini per mezzo di Codici contro le strutture sanitarie regionali per errori medici e soprattutto per inefficienze nel servizio sanitario pubblico.

"Sul modo di erogare assistenza sanitaria noi abbiamo sottolineato dei punti di debolezza -spiega Ivano Giacomelli, segretario nazionale Codici- spesso vengono prescritti esami inutili, poi i tempi d'attesa sono lunghi, per non parlare dei problemi sanitari più ricorrenti come infezioni e piaghe di decubito".

LEGGI IL DOSSIER CODICI SULLA SANITA'

Secondo i dati documentati da Codici nel 2009 il ricorso al taglio cesareo è stato pari al 45%, un valore molto alto rispetto al 20% raccomandato dall’organizzazione mondiale della sanità.
 
Nel Lazio –secondo Codici- tra la fine del 2009 e gennaio 2011 sarebbero stati 19 gli errori sanitari, di cui 11 hanno portato alla morte. Tra i casi più frequenti che hanno portato un danno al paziente ci sono le infezioni causate da cattiva organizzazione e negligenza.

L’associazione Codici critica apertamente il piano sanitario regionale della Polverini e propone l’adozione di uno statuto del malato.

"Il piano sanitario è stato fatto con un concetto contabilistico -conclude Giacomelli- noi proponiamo che la Regione adotti un regolamento per i diritti del malato, una serie di principi guida che mettano al centro del sistema sanitario il malato".

[25-02-2011]

 
Lascia il tuo commento