Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Nuove regole sui concorsi

il Campidoglio punta sulla trasparenza

L’assunzione nelle aziende partecipate del Campidoglio in futuro sarà trasparente. Parola di sindaco che oggi ha illustrato le nuove regole dei concorsi pubblici capitolini. Regole pensate da una commissione di super esperti, che dovranno passare per l’esame dell’assemblea Capitolina e poi della Giunta.

Le nuove norme dovranno scongiurare il rischio di assunzioni pilotate. Tutte le assunzioni a tempo indeterminato dovranno avvenire per concorso pubblico. Strano ma vero, fino ad oggi non è stato così. Gli esami saranno ripresi in audio video e potranno essere consultati in caso di ricorsi. Le commissioni esaminatrici, poi, saranno estratte con sorteggio pubblico, come con sorteggio saranno estratti i quiz. Un nuovo codice etico, poi, prevede l’incompatibilità per politici eletti o dirigenti, far partecipare ai concorsi parenti fino al terzo grado.

"Dal mese di dicembre 2010, mentre gli uffici lavoravano al nuovo regolamento, è stato imposto a tutte le società municipalizzate di non fare nuove assunzioni -ha detto il sindaco Gianni Alemanno- sui presunti giochi sporchi e il caso parentopoli sono in corso le indagini della magistratura".

L'OPPOSIZIONE - "Le misure varate oggi dal sindaco Alemanno per tentare di arginare il vergognoso scandalo di Parentopoli sono assolutamente tardive -ha detto il segretario romano del Pd Marco Miccoli - dopo 4.000 assunzioni atempo indeterminato per chiamata diretta e uno scandalo nazionale che ha portato Alemanno a precipitare nei sondaggi dal 50% al 37% di fiducia, il sindaco tenta ora di correre ai ripari".

"Le misure varate oggi dal sindaco Alemanno per tentare di arginare il vergognoso scandalo di Parentopoli sono assolutamente tardive. Dopo 4.000 assunzioni atempo indeterminato per chiamata diretta e uno scandalo nazionale che ha portato Alemanno a precipitare nei sondaggi dal 50% al 37% di fiducia, il sindaco tenta ora di correre ai ripari". Lo dichiara in una nota Marco Miccoli, segretario delPd Roma.

 
 

[24-02-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE