Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Coltelli nella schiena ali in faccia

Al Teatro Sala Uno la nuova edizione dello spettacolo di Pierre Notte per la regia dell’iraniano Reza Keradman

Dopo il successo della passata stagione, torna al Teatro Sala Uno la nuova edizione dello spettacolo “Coltelli nella schiena, ali in faccia” di Pierre Notte, per la regia dell’iraniano Reza Keradman. In scena, oltre allo stesso Keradman, troviamo Gerardo Mastrodomenico, Caterina Misasi, Monica Samassa, Daniel Terranegra, Alessandra Raichi e Constantin Jopeck.

Maria non vuole che la tocchino, ha orrore di questo. Preferisce tagliarsi le braccia da sola, giusto per cercare di fare qualcosa delle sue mani e della sua noia. Ha le sue ragioni… i suoi genitori ad esempio sua madre che “odia qualsiasi tipo di rapporto”, una madre che potremmo definire tragicomica. Maria ascolta parlare e cantare il fantasma gioioso di sua nonna che sa il motivo per cui “si tagliano i bambini” e perché “queste ali che hanno sulla schiena, queste ali immense che hanno tanto spazio davanti a loro, quando non riescono più a volare, è come se diventassero dei coltelli piantati nella schiena”. Lei sogna di fare la cassiera al casello autostradale. Parte. Incontra ciò che può assomigliare a quello che di solito chiamiamo Amore. Come in una fiaba anche qui la morale potrebbe tradursi così: nella vita tutto può arrivar anche il nulla.

“Coltelli nella schiena, ali in faccia” è un dramma, di grande spessore letterario e filosofico, finemente arricchito di molti elementi simbolici. La sofisticatezza di Pierre Notte come drammaturgo, stà proprio nella sua spietata capacità di esplorare il vuoto delle esistenze anonime del nostro tempo, in cui trionfa il nichilismo e si assiste all’eclisse di ogni forma di vita spirituale.
Lo spettacolo resterà in scena al Teatro Sale Uno (Piazza di Porta S. Giovanni, 10) fino al 13 marzo.

[24-02-2011]

 
Lascia il tuo commento