Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Pedaggi e aumenti sul Gra, il Tar annulla il decreto

Zingaretti "vittoria dei cittadini contro grave sopruso"

Il Tar del Lazio ha annullato il decreto ministeriale che ha aumentato le tariffe sulle strade sui raccordi autostradali in gestione dell'Anas, compreso il Grande Raccordo Anulare di Roma. "Con la sentenza di oggi, il Tar seppellisce definitivamente la volontà del Governo di introdurre i pedaggi sul Grande Raccordo Anulare -ha detto il Presidente della provincia Nicola Zingaretti- e ancora una volta dà ragione alla Provincia di Roma che si è subito opposta a questa tassa iniqua. È stata una vittoria dei cittadini contro un grave sopruso".

Il Tar ha accolto i ricorsi di molti enti locali, tra cui la provincia di Roma. Il cui presidente, Nicola Zingaretti, dice: ''Il Tar seppellisce definitivamente la volontà del Governo di introdurre i pedaggi sul Gra''. La presidente della Regione Lazio, Polverini: ''Vittoria dei cittadini''

MOTIVI DELLA DECISIONE DEL TAR - Il decreto, dicono i giudici amministrativi, non prende in considerazione l'esistenza di persone che percorrono le strade di interconnessione senza però entrare nelle autostrade, come nel caso del Gra di Roma. Non solo; lo stesso decreto è stato adottato anche in violazione delle norme comunitarie in materia. Sono queste in sostanza le motivazioni per le quali il Tar del Lazio ha disposto l'annullamento del decreto ministeriale con il quale il 25 giugno 2010 sono state individuate le stazioni di esazione per le quali dovevano essere applicati gli aumenti dei pedaggi a decorrere dal primo luglio scorso.

[22-02-2011]

 
Lascia il tuo commento