Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Un gelido inverno

di Debra Granik. Con Jennifer Lawrence, John Hawkes

di Alessio Palma

Missouri, tempo presente. La diciassettenne Ree vive con la madre malata e fratello e sorella più piccoli in uno sperduto villaggio di montagna nella regione dell’altopiano di Ozark. Il padre è scomparso nel nulla, dopo aver impegnato la casa di famiglia per pagarsi la cauzione ed uscire di prigione.
Se l’uomo non si presenterà al più presto in tribunale la casa verrà confiscata. Ree si mette così alla sua ricerca, sfidando il muro di omertà e menzogne della piccola comunità.

Girato in digitale e con un budget risicato, WINTER’S BONE (questo il titolo originale) ha ottenuto un sorprendente successo al Sundance Film Festival, per poi vincere il Festival di Torino e ritrovarsi candidato a quattro premi Oscar, tra cui quelli per il miglior film, la miglior attrice protagonista (Jennifer Lawrence, in effetti una rivelazione) e per la miglior sceneggiatura non originale.

Il film di Debra Granik è un insolito thriller di ambientazione rurale, che non fa alcuna concessione alla spettacolarità. Il tono è anzi dimesso, privo di sottolineature e sensazionalismi, permettendo così di arrivare al climax drammatico della storia dopo un’attenta disamina dei personaggi e dell’ambiente in cui vivono. Viene in mente come pietra di paragone certo cinema americano anni ’70, che trovava nella marginalità di storie e caratteri un’alternativa alla convenzionalità hollywoodiana. Rispetto alle pellicole in stile Sundance che abbiamo imparato a conoscere in questi anni, UN GELIDO INVERNO è più denso e crudo. I legami di sangue tra i personaggi ne accentuano la brutalità dei comportamenti e rendono tangibile il clima di tragedia classica che aleggia su tutta la storia.

Occorre un po’ di tempo per entrare nel mondo descritto dalla Granik, così privo di ammiccamenti per lo spettatore. Ma alla fine la sua descrizione della provincia profonda lascia il segno e resta dentro. Molto belle le scene che mostrano il rapporto profondo e materno tra Ree e i fratellini e quella del colloquio tra la ragazza e il responsabile dell’arruolamento militare. Se UN GELIDO INVERNO otterrà successo ai prossimi Oscar, se lo sarà guadagnato.
 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[18-02-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE