Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

La giunta capitolina si allarga

da marzo 15 assessori (tre in più)

E' stato approvato dalle Commissioni Affari costituzioniali e Bilancio del Senato l'emendamento al decreto Milleproroghe proposto dal Vicesindaco Pdl Mauro Cutrufo e che da marzo prevede un aumento dei posti in giunta capitolina.

Dai dodici attuali componenti di giunta si arriva a quindici. I tre nuovi assessori, di cui ancora non si conosce il nome, inizieranno a lavorare già dal primo marzo. E' probabile che il sindaco Alemanno assegni i posti in giunta agli "scontenti" del rimpasto di gennaio, quindi consentire di avere un posto a La Destra (Storace) e Udc, che sono al momento fuori dalla giunta di Roma Capitale.

Il numero dei consiglieri resterà invece determinato in 60 (dopo che erano stati ridotti inizialmente a 48) mentre i componenti della giunta non potranno superare il numero di 15, compreso il sindaco. La norma ribattezzata "emendamento Alemanno", riguarda tutti i comuni con più di un milione di abitanti.

"Non ci saranno aggravi di spese -assicura il vicesindaco Cutrufo- con questo emendamento mettiamo infatti un tetto alle spese agendo sul taglio dei rimborsi dei consiglieri". Dura invece la critica dell'opposizione, il decreto che consente ad Alemanno di avere una maggioranza più ampia secondo il segretario romano Marco Miccoli "è una vergogna, è vergognoso che per continuare a galleggiare imbarcando nuovi adepti in giunta, il sindaco Alemanno abbia promosso un emendamento che potra a 15 il numero di assessori". Secondo Miccoli per pagare queste nuove "poltrone" si dovrà attingere ad un fondo del ministero delle Finanze per il recupero delle tasse, quindi a danno dei cittadini.

 
 

[12-02-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE