Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rugby
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Rugby
 
 

6 Nazioni: Canavosio non ce la fa, dentro Semenzato

Alla prima convocazione in azzurro, Fabio Semenzato si ritrova subito titolare contro l'Inghilterra complice l'affaticamento di Pablo Canavosio

Per Fabio Semenzato gli ultimi giorni devono essere sembrati un sogno: dopo il tour con l’Italia A di Gianluca Guidi, ecco la prima convocazione nella nazionale maggiore per rimpiazzare il giovane Edoardo Gori infortunatosi alla spalla nella prima giornata del Torneo 6 Nazioni. E pensare che per lui le sorprese non erano finite lì.

Trevigiano, classe 1986, Semenzato gioca nella Benetton Treviso. “Ci siamo confrontati con il tecnico dell’Italia A Gianluca Guidi” aveva spiegato Nick Mallett “e abbiamo deciso di convocare Fabio che è stato titolare ed ha offerto due buone prestazioni contro England Saxons e Scozia A e che sta trovando spazio in Magners League con buona regolarità”. Per Fabio grande la soddisfazione e grande la sorpresa di ritrovarsi in gruppo. “Non mi aspettavo la convocazione per questa partita con l'Inghilterra” aveva detto a caldo.

Chissà cosa deve aver pensato quando, a meno di ventiquattr’ore dalla partita contro l’Inghilterra in quel tempio del rugby che è lo stadio di Twickenham, il coach della nazionale azzurra gli ha comunicato che domani giocherà titolare. Già: Semenzato contro i bianchi d’Inghilterra indosserà la maglia numero 9. Pablo Canavosio, inizialmente schierato titolare, non è infatti in buone condizioni. Queste le parole di Luigi Troiani, manager della nazionale azzurra: “Pablo, con grande senso di responsabilità verso la squadra, ci ha informati di avvertire ancora un affaticamento generale e di non sentirsi disponibile a un possibile utilizzo di ottanta minuti”.

Fuori gioco Gori, affaticato Canavosio, per Semenzato si sono spalancate le porte prima della nazionale maggiore e poi del campo verde: per lui esordio più duro (e affascinante) non poteva esserci.

Antonio Scafati

[11-02-2011]

 
Lascia il tuo commento