Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Richiesta maggiori fondi per piano nomadi

Alemanno incontra Maroni "si decide mercoledė"

"Un incontro molto positivo, in un clima di piena collaborazione". Il sindaco Alemanno evita di sbilanciarsi subito dopo l’incontro con il Ministro dell’Interno Roberto Maroni. Dopo due giorni di smentite e dichiarazioni a distanza il sindaco ed il ministro si sono finalmente incontrati in un faccia a faccia per discutere della richiesta di Alemanno di avere altri 30 milioni di euro, fondi necessari secondo il sindaco per completare il piano nomadi e affrontare l'emergenza dei campi abusivi.

Dopo l’incontro durato poco meno di un’ora dal Viminale non è arrivato né un si né una risposta negativa: è stato infatti tutto rimandato a mercoledì prossimo, quando alla riunione dei Commissari straordinari per l’emergenza nomadi sarà valutata la richiesta del Campidoglio.

Dopo il rogo di domenica scorsa nel campo di via Appia Nuova e la morte di quattro bimbi rom, su Alemanno si erano scatenate le critiche sulla gestione dei campi nomadi. Il sindaco aveva allora reagito promettendo di sgomberare tutti gli insediamenti abusivi ed aveva inviato una lettera congiunta con il prefetto Giuseppe Pecoraio al ministero dell’interno chiedendo maggiori fondi, ma anche tende di prima accoglienza e nuovi poteri speciali. Ma dal Viminale non era arrivato subito l’ok, anzi il ministro Maroni aveva manifestato ''sorpresa'' per le richieste avanzate nella lettera, tanto da ricordare ad Alemanno che per l'emergenza nomadi il commissario straordinario Pecoraro aveva già avuto a disposizione 32 milioni di euro.

All'uscita dal Viminale, ad ogni modo, il sindaco ha mostrato soddisfazione. Le richieste di Roma saranno formalizzate e prese in considerazione dall'esecutivo. Mentre nella capitale parte la creazione, entro la fine della prossima settimana, di tre tendopoli da circa 250 posti ciascuna, per far fronte all'emergenza.
 
 

[10-02-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE