Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Gianni e le donne

di Gianni Di Gregorio. Con Gianni Di Gregorio

di Francesco Picerno

Gianni è un pensionato con un carattere  tollerante e paziente. Conduce una vita normalissima, accanto alla moglie, alla madre, alla figlia e alla sua vicina di casa. Quando si accorge che alcuni suoi coetanei hanno rapporti con ragazze più giovani, prova - per un momento - ad aprire gli occhi.

A pochi anni dal riuscitissimo PRANZO DI FERRAGOSTO Gianni Di Gregorio torna alla regia. Dal precedente il regista riprende dei personaggi , tra cui la madre (un' ancora una volta sorprendente Valeria de Franciscis), oltre che le ambientazioni e l'approccio alla regia, con uno stile estremamente naturalistico che lascia spazio all'improvvisazione e alla libertà nei movimenti di macchina.

Di Gregorio in questo caso racconta il fascino che esercita il gentil sesso (di varie età) verso una persona anziana. Gianni, anche se vittima, è dolcemente trasportato da tutte le tentazioni che riceve dai personaggi femminili (dalla figlia di un'amica della madre fino all' ex cotta giovanile). A differenza del film precedente -  indubbiamente  più fresco e sincero - qui Di Gregorio perde  di spontaneità. Ci sono certo molti omaggi a vari registi (Moretti, come anche il De Sica di UMBERTO D.) e  una maggior attenzione alla forma -  molte le scene ben dirette (esilarante il pranzo con le sexy gemelle  oppure la passeggiata notturna romana del protagonista con il cane) - ma nel complesso i passi avanti sono pochi. 

Anzi, si sorride poco e non si riflette troppo, tanto che la sensazione è che il regista non si volesse spingere oltre una descrizione ironica e malinconica della sua generazione, evitando, nonostante i tanti riferimenti all'attualità, di  essere cinico e cattivo.
 



votanti: 1
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[10-02-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE