Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Il truffacuori

di Pascal Chaumeil. Con Romain Duris, Vanessa Paradis

di Clelia Verde

Alex Lippi è un sabotatore di coppie professionista con uno sguardo irresistibile. In qualche settimana, in cambio di onorari all’altezza della sua reputazione, riesce a trasformare qualsiasi compagno in un ex. A causa delle gravi difficoltà in cui versa la società che ha fondato con sua sorella e suo cognato si vede però costretto ad accettare l’operazione “Juliette” e ad infrangere così la sua unica regola: dividere solo le coppie in cui la donna è davvero infelice.
   
Il regista televisivo francese Pascal Chaumeil gira in soli 45 giorni il suo film d’esordio al cinema già campione d’incassi in patria. La pellicola, che ricorda le classiche commedie romantiche hollywoodiane, è un misto raffinato e bilanciato di passione e azione. Ai tre sceneggiatori Laurent Zeitoun, Jeremy Doner e Yoann Gromb va sicuramente il grosso merito di un ritmo incalzante e di uno sviluppo accurato della figura del protagonista.

Alex è un eroe moderno, originale e con un bisogno psicologico che funziona: durante tutto il film dovrà dimostrarci di non essere quello che si tira indietro nei momenti più difficili. Il francese Romain Duris col suo grande talento e la sua carismatica interpretazione regala inoltre al personaggio di Alex e a tutto il film una grossa dose di fascino naturale e comicità rendendo la pellicola godibile anche da chi non ama in particolar modo le commedie sentimentali. Anche l’eterea Vanessa Paradis aggiunge una seducente fragilità al personaggio di Juliette e Julie Ferrier e François Damiens sono esilaranti rispettivamente nei ruoli di Mélaine e Marc, la sorella ed il cognato di Alex.
   
Certo la Montecarlo di Chaumeil, dove sono state girate gran parte delle scene, è troppo cartolinesca e la colonna sonora è sempliciotta e scontata ma alla fine del film, quando accade inesorabilmente e minuziosamente tutto ciò che avevamo previsto all’inizio, chiudiamo un occhio su questi difetti perché a questo finale ci si è arrivati con grande leggerezza e sentimenti tenerissimi che fanno bene al cuore.
 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[10-02-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE