Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Il clown dei clown

David Larible arriva al Teatro Vittoria con una messinscena fluida coordinata dei suoi migliori numeri

Considerato il più grande clown del mondo, il più applaudito degli ultimi tempi, nonché vincitore del Clown d’Oro al Festival di Montecarlo, David Larible arriva al Teatro Vittoria di Roma con “Il clown dei clown”, una messinscena fluida coordinata dei suoi migliori numeri, frutto di anni di esperienza trascorsi calcando le scene di tutto il mondo tra le quali il Madison Square Garden di New York dove ha fatto registrare il tutto esaurito con oltre 120 mila spettatori.

In questo spettacolo, Larible si presenta con un vestito grigio e un cappello che strizza l'occhio a “Il monello” di Charlie Chaplin, un trucco leggero e l'immancabile naso rosso. Sin dal suo ingresso è un susseguirsi di gag visuali e brani musicali (suona cinque strumenti) che danno pieno sfogo alla sua straordinaria capacità di rinnovare il repertorio classico della clownerie attingendo dal cinema come dalla danza e dall'opera lirica.

Lo spettacolo racconta la storia di un maldestro inserviente di teatro che si confronta con l'elegante clown bianco interpretato da Catalano Gensi in un continuo avvicendarsi di trovate caratterizzate dallo stile inconfondibile di Larible. Il clown dei clown però, ha ancora un altro sapore: rappresenta anche una sorta di confessione artistica, un  ritratto sincero della sua maschera e dell'uomo che le indossa, un piccolo manuale di risate e poesia.

Dolce stralunato, come vuole la tradizione circense e un po’ Charlot, Larible diverte, rapisce e seduce e commuove allo stesso modo bambini e adulti perché riesce evocare il mondo dei clown nel suo aspetto più intimo e insieme poetico plasmando con estrema naturalezza la realtà di tutti i giorni e regalando la leggerezza.

“Il clown dei clown” resterà in scena al Teatro Vittoria fino al 27 febbraio.

[07-02-2011]

 
Lascia il tuo commento