Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cultura Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma
 
 

Notte bianca delle Universitā

100.000 presenze, successo per Luca Carboni

Quasi 100.000 persone hanno trascorso la notte dividendosi tra lezioni, meeting e più di cento spettacoli culturali. E' il popolo dell'"Università della notte- Europa dei Saperi" che fino all'alba ha trattenuto migliaia di studenti e curiosi di tutte le età tra i viali e le aule di sei atenei della Capitale: "Sapienza", "Tor Vergata", "Roma Tre", Luiss, Iusm e Link Campus - University of Malta.

L'iniziativa, arrivata alla seconda edizione, è stata promossa dal Comune di Roma in collaborazione con la Comunità Europea, nell'ambito dei festeggiamenti per il cinquantesimo anniversario della firma dei Trattati di Roma.
Europa che è stata al centro di gran parte dei dibattiti e convegni che si sono succeduti durante la manifestazione, con grande partecipazione dei giovani interessati a dire la loro opinione sul passato, ed in particolare sul futuro, del vecchio Continente.

Parole e musica si sono alternate nella Città Universitaria della "Sapienza", dove per più di sei ore si sono concentrati circa 40.000 visitatori. Il via alla notte è stato dato dall'incontro "L'Europa di chi costruisce l'Europa", a cui hanno presenziato, oltre al Magnifico Rettore Renato Guarini, anche Margot Wallstrom, vice presidente della Comunità Europea ed Emma Bonino, Ministro delle Politiche Comunitarie.

Poi, nelle diverse aule, sono cominciate le lezioni, moderate da giornalisti come Michele Cucuzza, Annalisa Spezie, Mimosa Martini e Francesco Giorgino, sui temi dell'Europa, dalle radici dell'istituzione, passando per lo sviluppo sostenibile, fino ad arrivare ai temi caldi della lotta alla criminalità e del lavoro.
In contemporanea, sempre alla "Sapienza", l'autore cinematografico e teatrale Vincenzo Cerami leggeva "L'ecclesiaste", con la musica del maestro Aidan Zammit.
Non sono poi mancati proiezioni di film e cortometraggi realizzati dagli studenti, mostre fotografiche e spettacoli di cabaret.

A chiudere la notte l'evento forse più atteso dagli studenti, il concerto in Aula Magna, stracolma, che è stato aperto dall'esibizione di gruppi Erasmus, seguiti poi dalla band emergente Le Mani, che hanno cantato buona parte del loro repertorio tra cui la hit che rimbalza nelle radio "Stai bene come stai".
A seguire è salito sul palco Luca Carboni, mito di tante generazioni, che intervistato da Massimo Cotto, ha alternato racconti sulla sua lunga carriera con l'esecuzione acustica di tanti suoi successi, da "Ragazzi ci stiamo sbagliando" a "Silvia lo sai", fino ad arrivare a "Le ragazze" e "Mare mare".

 
 

[26-03-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE